Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
M5S, il giorno prima, durante le audizioni alla Camera: “per il presidente D'Alfonso il decreto va bene”    
0
campagne di sensibilizzazione e promozione delle iniziative previste, “pianificazione strategica nel valutare punti di
0
Carnevale di quartiere a Villa del fuoco   La Caritas diocesana di Pescara-Penne, in sinergia con l'Istituto
0
Sarà un carnevale da favola quello che si festeggerà a Fossacesia nei prossimi giorni.   Si partirà da domani
0
concessione canone annuale di 64.015 euro per 19 anni a fronte di 62mila   Momento decisivo per il rilancio del
0
Caprara, Spoltore, dalle 14:30 fino alle 18:00 sfilata di carri allegorici che percorreranno le vie principali del
Abruzzo/Emergenza meteo/rifiuti spiaggiati: Mazzocca chiede al Governo fondi per costa

Il Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega all’Ambiente e Protezione Civile Mario Mazzocca ha inoltrato al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni e al Capo Dipartimento di Protezione Civile Fabrizio Curcio la richiesta di stanziamento di specifiche risorse economiche pari a circa 1.500.000 di euro da destinare a favore dei Comuni alle prese con ingenti quantitativi di rifiuti spiaggiati, nell’ambito delle somme stanziate per far fronte agli eventi meteorologici eccezionali verificatisi nel mese di gennaio 2017.

 

A seguito dell’emergenza meteo che ha colpito l’Abruzzo nel mese scorso e che ha interessato molte aree del nostro territorio, i fiumi hanno trasportato a valle una rilevante quantità di materiali e rifiuti che, con le mareggiate avutesi, si sono depositati lungo numerosi tratti costieri. La richiesta è stata concepita dal Sottosegretario Mazzocca a sostegno dei Comuni costieri che dovranno affrontare rilevanti costi straordinari e che non possiedono risorse specifiche e mezzi per garantire l’attuazione d’interventi e servizi di rimozione/selezione/trattamento/recupero/smaltimento dei rifiuti spiaggiati.

Ai sensi del Codice dell'Ambiente art. 184, comma 2, lett. d) del D.Lgs. 152/06 e s.m.i., infatti, i rifiuti spiaggiati su aree demaniali marittime, derivanti anche dall’erosione di vecchie discariche o depositi incontrollati di indifferenziati ubicati in aree contigue agli argini fluviali o costituiti da plastiche, pneumatici, polistirolo, vetro, alberature, rami, cannucciate, etc., abbattuti dalla violenza dei venti e dalla forza erosiva e di trasporto delle acque, sono classificati come "rifiuti urbani". Di conseguenza, i servizi di pulizia delle aree interessate rientrano tra le competenze dei Comuni. Peraltro, il trasporto di materiali vegetali può essere causa di ostruzioni parziali o totali delle luci dei ponti o di altri manufatti, causando un innalzamento del pelo libero a monte dell’ostruzione per effetto di rigurgito che può determinare esondazioni delle portate di piena.

Letto 156 volte
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…