Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara, una mostra per Donna Luisella madre di D'Annunzio

A cura della dott.ssa Angela  DE FRANCESCO Fotografia di Michele RAHO

In occasione del centenario della scomparsa di Luisa de Benedictis, madre di Gabriele d’Annunzio, venerdì 27 gennaio nella Casa Natale d’Annunzio, è stata inaugurata  una interessante mostra documentaria di cimeli e lettere autografe provenienti  dalle importanti collezioni di Licio Di Luzio e Davide Lissandrin.

 

Molto particolare, al piano terra del  Museo  la ricostruzione di un’antica cucina, emblema del focolare domestico e della costante attesa di Donna Luisa  del figlio  Gabriele al quale voleva porgere le sue amorevoli  cure. Un’esposizione ricca di cimeli, di  manufatti  in rame della tradizione abruzzese, realizzati dal maestro aquilano Domenico Pecilli, attivo ramaio d’Abruzzo, omaggio ad una mamma, Donna Luisa,  che tanto desiderava offrire cibo al suo amatissimo figlio.

Nel corso della mostra, Franca Minnucci ha allietato il numeroso pubblico con la  presentazione dell’epistolario del Poeta alla madre dal titolo “ Cara cara mamma” edito dalla Casa editrice Ianieri. Un rapporto affettuosissimo quello fra  Donna Luisetta ed il poeta e come ricorda Ennio Flaiano “Una donna  dal volto nobile ed infelice, dicevano,  per la lontananza del figlio, talvolta era seduta sul balcone nei tardi pomeriggi  in perenne attesa del figlio”.  Nonostante si fosse in piena I Guerra Mondiale, divenne notizia di dominio pubblico  il lutto del Vate per la scomparsa della “mater mirabilis”. Una madre per eccellenza: umile, taciturna, severa, raramente sorridente della quale il figlio, Gabriele sente l’irrefrenabile bisogno.

Nell’esposizione elementi di spicco sono la “rozza croce” che riconduce alla sepoltura della madre  e le commoventi  lettere del poeta  nelle quali chiedeva di averne cura. La “rozza croce” realizzata per volere del Vate con legni di un “traboccolo” ossia una barca da pesca dell’antica marineria abruzzese, simboleggia la sacralità di uno speciale  rapporto.

La mostra a cura di Lucia Arbace e Franca Minnucci, è stata realizzata in collaborazione con il Comune di Pescara, la Casa Editrice Ianieri e l’Inner   Weel  Italia Club  di Pescara e resterà aperta fino al 31 maggio 2017, tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 19.00.

In rappresentanza del Sindaco Marco  Alessandrini del Comune di Pescara, l’Assessore Paola Marchegiani.

 

 

 

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…