Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Inps, Corte dei Conti: "Patrimonio in rosso". Boeri: "Nessun allarme"

"Non è più procrastinabile una riforma della governance dell'Inps". E' quanto sottolinea la Corte dei Conti nella relazione sul risultato del controllo sulla gestione finanziaria dell'Ente per il 2015.

 

In particolare la spesa per le prestazioni istituzionali ammonta a 307,83 miliardi, con un incremento rispetto all'anno precedente di 4,43 miliardi, principalmente per l'aumento della spesa per pensioni (+4,26 miliardi). La spesa ha superato quindi nettamente le "entrate contributive" che, prosegue la relazione, "segnano un incremento di 3,32 miliardi sul precedente esercizio e risultano pari a 214,79 miliardi".

Se la gestione finanziaria di competenza ha chiuso il 2015 con un avanzo di 1,43 mld rispetto ai -7,01 md del 2014, grazie anche all'apporto dello Stato per 103,77 mld in aumento per 5,33 mld sul 2014, il versante economico patrimoniale ha registrato, invece, una situazione in peggioramento dove lo scostamento tra i saldi finanziari e quelli economici è dovuto principalmente all’andamento dei residui attivi."

Il conto economico, infatti, espone, al netto dell’accantonamento a riserva legale per 2,95 mld, un risultato di esercizio negativo per 16,3 mld (-12,48 mld nel 2014), condizionato da un accantonamento al fondo rischi crediti contributivi per 13,09 md (4,97 md nel 2014). In conseguenza di ciò, il patrimonio netto è pari a 5,87 mld, con un decremento sul 2014 di 12,54 mld", spiegano i magistrati contabili che rilevano a questo riguardo anche come "per effetto di un peggioramento dei risultati previsionali assestati del 2016, con un risultato economico negativo che si attesta su 7,65 mld, il patrimonio netto passi, per la prima volta dall’istituzione dell’ente, in territorio negativo per 1,73 mld".

In serata è il presidente dell'Inps, Tito Boeri, a ridimensionare la portata dell'analisi della magistratura contabile. "La Corte dei Conti non lancia alcun allarme sui bilanci. Si tratta di una questione contabile. Bisogna sempre ricordare ai cittadini italiani che l’Inps opera per conto dello Stato. Le prestazioni che garantisce vengono infatti decise dal Parlamento italiano, dal Governo e noi, semplicemente, ci limitiamo ad attuarle". adnkronos

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Febbraio 2017 20:17
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…