Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Calvizie: che cos'è la tricopigmentazione?

Tricopigmentazione, ovvero il tatuaggio paramedicale avrebbe lo scopo di nascondere gli inestetismi provocati da calvizie o da cicatrici di ogni genere, è un metodo usato nel mondo dell’estetica ma sempre più richiesto dalla medicina.

 

E' una tecnica di camouflage della calvizie, un tatuaggio che cerca di rendere naturale la rasatura.

Tony Benfatto porta questa specializzazione in Oriente con Master e seminari. Lo sguardo rivolto dal settore medico all’abilità del dermopigmentista abruzzese deriva dalla complementarietà delle due attività, la chirurgica e la tricopigmentologica. Da un lato c’è il chirurgo che risolve in parte un inestetismo, ad esempio con un autotrapianto, dall’altro c’è la tricopigmentazione che provvede a coprire gli inestetismi causati da esiti cicatriziali.

 

“La dermopigmentazione era già sviluppata in Oriente ma con tecniche applicative differenti, ovvero più definite e meno naturali.” Il dermopigmentista Toni Belfatto, già relatore di prestigiosi congressi internazionali, a Seul il mese scorso ha presentato e svelato i segreti della tricopigmentazione, specializzazione da lui stesso ideata e brevettata. “La tecnica, invece, sconosciuta era proprio la tricopigmentazione. Ai corsi in Corea hanno partecipato chirurghi estetici e plastici, dottori e operatori di dermopigmentazione paramedicale”.

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…