Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara si spengono le luci d’artista

Al lavoro per l'edizione 2017

 

 

 

Si chiude la prima edizione di Luci d'Artista Pescara, come annunciato, le luci si sono spente a metà febbraio, una decisione, quella di mantenerle accese fino all'altro ieri, maturata a sostegno della stagione dei saldi. Festività natalizie e rese possibili da una sinergia tra Comune di Pescara, Camera di Commercio, Fondazione PescarAbruzzo e tutto il comparto del turismo e commercio cittadino. Pescara è parte della rassegna nazionale che la lega al circuito che, da tempo, unisce già Salerno e Torino e che prima e dopo il Natale porta milioni di persone ad ammirare luminarie che sono vere e proprie opere d’arte, realizzate da talenti italiani e stranieri di questa particolare dimensione espressiva del settore e accese da novembre a oggi, anche oltre le Feste, proprio perché opere d’arte, oltre che luminarie. A tal fine, Pescara su richiesta avanzata dal comparto commerciale già al momento dell’installazione, ha deciso di protrarle fino a San Valentino e per gran parte della stagione dei saldi.

 

“Siamo al lavoro per replicare la sinergia che sta alla base dell'intesa che ha acceso le Luci d'Artista anche a Pescara – commenta l'assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi – con l'intento di far crescere l'evento e di estendere la progettualità ad altre aree commerciali della città. Lo facciamo consapevoli dello straordinario successo avuto dalla prima edizione: migliaia di contatti diretti sulle pagine Facebook del Comune, da quella istituzionale a quella dell’assessorato alle Attività Produttive e la Notte Bianca, oltre 300.000 interazioni, al netto delle condivisioni e dei dati registrati dalla pagina dedicata specificamente a Luci d’Artista.

Un successo corale, che premia la squadra a cui va il ringraziamento dell'Amministrazione: a partire dalla Camera di Commercio, passando per le associazioni di categoria e soprattutto gli operatori commerciali del comparto che si sono messi in gioco e hanno partecipato ad una sfida bella e importante per la città e per la sua economia.

Abbiamo fatto bene a investire su una politica di marketing territoriale che, a Salerno e Torino, è diventata un valore aggiunto preziosissimo per la città, questo a prescindere dal Natale. L’investimento è stato ampiamente ripagato dall’indotto, considerati anche i costi minimi dell’elettricità, visto che le luci erano a Led.

A guadagnarci siamo stati tutti: l’immagine di Pescara, che è stata veicolata di selfie in selfie e su tante testate della rete, Trivago in primis; ma anche il centro commerciale naturale, che ha potuto fare il suo rodaggio grazie a migliaia di presenze ogni giorni che non erano mai registrate in città. Abbiamo investito sul territorio perché siamo certi che Pescara possa diventare una meta di approdo del turismo e dello shopping, lo siamo perché è accaduto.

La formula funziona, le basi per un progetto sicuramente più articolato e pronto a rispondere alle esigenze di tutti sono state poste, vogliamo mettere insieme: bellezza, attrattività, turismo, animazione ed economia”.

Luci d’Artista sono realizzate dal Comune di Pescara, dalla Camera di Commercio, dalla Fondazione PescarAbruzzo, in sinergia con Iren; DMC Terre Pescaresi; CNA, Confartigianato, Confesercenti e Confcommercio Pescara; le associazioni Pescara d’Amare, Centro Giusto e Pescara Centro; con il sostegno di CariPe, Intesa San Paolo, Banca Marche, CariChieti, Unicredit, BCC di Castiglione M.R e Pianella, BCC di Cappelle sul Tavo, Mediass, Bluserena.

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…