Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Sisma. Allargare il Cratere, emergenza scuole e viabilità, sostegno a famiglie e imprese.

Una delegazione composta da Luigi di Maio e dai deputati abruzzesi del M5s ha partecipato all’incontro con gli amministratori locali della nostra regione colpiti dal sisma e dal maltempo. Le priorità: allargare il Cratere sismico, emergenza scuole e viabilità, sostegno a famiglie e  imprese.

 

 

ROMA, “Da parte dei sindaci e degli amministratori locali incontrati oggi alla Camera abbiamo ascoltato un impietoso giudizio negativo sul Decreto Terremoto. Il provvedimento emanato dal governo viene considerato assolutamente insufficiente,  una risposta inadeguata rispetto al catastrofico “combinato disposto” avvenuto in quella regione: il terremoto e l’emergenza neve. Nel frattempo le zone colpite si vanno già spopolando e per quei cittadini non vediamo all’orizzonte alcun piano che preservi il tessuto lavorativo e sociale”.

Così il vice presidente della Camera Luigi di Maio e i deputati abruzzesi Andrea Colletti, Daniele del Grosso, Gianluca Vacca, che oggi alla Camera hanno partecipato all’incontro con sindaci e altri amministratori locali abruzzesi colpiti dal sisma.

“Intere zone dell’Abruzzo si stanno spopolando e a Teramo un terzo della popolazione ha lasciato le proprie case, perché inagibili o per paura del terremoto. Un’ampia porzione della regione, pesantemente colpita da sisma e maltempo, si trova in uno stato di abbandono con problemi che attengono soprattutto a viabilità, agibilità delle scuole, crisi del tessuto economico. Contemporaneamente, le casse dei comuni sono state svuotate dall’emergenza. "

 

"Di fronte all’inconsistenza del decreto diventa fondamentale apportare sostanziosi correttivi al provvedimento durante la discussione qui alla Camera. Stiamo lavorando proprio a un pacchetto di emendamenti efficaci e volti a dare risposte concrete per compensare le troppe lacune. Sicuramente tra le misure che vanno adottate c’è l’estensione del cratere anche a comuni abruzzesi che fino ad ora non sono stati inseriti al suo interno. Altro problema contingente è quello delle scuole, dal momento che siamo nel pieno dell’anno scolastico e, mentre molti istituti risultano inagibili, i moduli provvisori tardano ad arrivare". 

Ultima modifica il Giovedì, 02 Marzo 2017 18:45
Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…