Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
"offrire maggiori opportunità a scuola, nel mondo del lavoro e nella vita sociale per chi - altrimenti - corre il
0
"il personale ha accumulato 1500 giorni di ferie"   "I disagi che ogni giorno i cittadini sono costretti ad
0
Si è chiusa l'edizione 2019 di Italia 5 Stelle, tenutasi nella cornice della Mostra d'Oltremare a Napoli. "Abbiamo
0
Acerbo e Di Sante: "Apriamo le porte ai profughi, chiudiamole al fascista islamista Erdogan!"   Rifondazione
0
Galleria, intellettuale, ricordato con affetto per Fuori Uso che diede impulso creativo e artistico al territorio
0
Storico giornalista abruzzese   GIULIANOVA – Dopo essere stato insignito nel 2013 del titolo di Cavaliere, per
Abruzzo/Caccia. Dopo il Tar serve chiarezza in Regione

Dopo la sentenza di eri emessa dal tar la Federcaccia esprime “moderata soddisfazione” sul calendario venatorio.

 

“Anche se il Wwf canta vittoria bisogna sottolineare che la gran parte delle loro richieste è stata rigettata ad esclusione della riduzione del periodo di caccia per le specie beccaccia, tordo sassello, tordo bottaccio e cesena.”Si legge in una nota.”Per queste specie la chiusura dovrebbe passare dal 19 gennaio, inizialmente previsto, al 31 dicembre con la motivazione che il Tar ha individuato nella carenza di dati e giustificazioni in relazione al parere Ispra. Sulla base del fascicolo preparato dagli uffici regionali, allegato al calendario venatorio non si poteva prevedere risultato, come era stato già sottolineato in precedenza. “

La Federcaccia “sicuramente vuole approfondire la tematica per il futuro, da una parte incontrando le forze politiche della Regione, di maggioranza e di opposizione, per far presente a loro che gli uffici scientifici della Federcaccia sono in possesso dei dati necessari per migliorare la relazione regionale, perché in futuro la data possa tornare al 19 gennaio, sempre che emerga la volontà politica di rispettare le indicazioni delle leggi nazionali e regionali in essere.”

La Federcaccia nazionale e quella abruzzese stanno valutando la possibilità di ricorrere al Consiglio di Stato integrando la carente relazione regionale. “Proseguiamo nel percorso di dare certezza alle normative legate alla caccia – ha commentato il presidente regionale Ermano Morelli – nel frattempo auguriamo ai cacciatori di poter trascorrere giornate proficue all’aria aperta, raccomandando, come sempre, il rispetto di tutte le regole, delle norme e delle indicazioni relative alla sicurezza”

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…