Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
Torna il doppio senso di marcia su via del Santuario. L'impresa sta effettuando la gettata dell'asfalto drenante
0
Dallo scorso venerdì 08 novembre, il Comune di Città Sant’Angelo, è ufficialmente entrato in ANPR - Anagrafe Nazionale
0
 dal 15 al 22 novembre Il Comune di Giulianova, in collaborazione con la sezione giuliese del Conalpa, il
0
E' stato di crisi per il pesce azzurro in Adriatico.   A lanciarlo sono un gruppo di pescatori abruzzesi che si
0
Rioccupate dopo poche ore le due abitazioni sgomberate ieri al Ferro di cavallo di Rancitelli a Pescara. "Questa
0
Marinella Sclocco, assieme ai colleghi del centrosinistra Mirko Frattarelli, Stefania Catalano, Francesco Pagnanelli,
Abruzzo/Dissesto idrogeologico: rischio frana molto elevato

tra le prime regioni italiane a rischio frana  per superficie, popolazione, imprese e beni culturali. Lo dice il Cresa

 

In Abruzzo è classificato con pericolosità da frana molto elevata (P4 cioè il più elevato livello di pericolosità), il 5,8% del territorio, percentuale che pone la regione al terzo posto nella graduatoria nazionale dopo la Valle d’Aosta e la Campania e che risulta superiore al valore nazionale (2,9%). E’ quanto emerge dalle elaborazioni che il CRESA ha svolto sulla base dei dati pubblicati dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel Rapporto 2015 sul dissesto idrogeologico in Italia.

In tali aree è presente il 2,8% della popolazione regionale, il 2,2% delle imprese (per entrambi il riferimento è al Censimento 2011), e il 6,6% dei beni culturali. Tali percentuali risultano tutte superiori alle corrispondenti percentuali italiane (rispettivamente 0,8%, 0,6% e 2,1%) e pongono l’Abruzzo ai primissimi posti delle relative graduatorie nazionali (secondo per la popolazione, quarto per imprese, terzo per beni culturali).

Tra le province L’Aquila presenta la situazione più problematica considerando che le aree con pericolosità molto elevata registrano i maggiori valori percentuali (7,0% del territorio, 6,2% della popolazione, 4,8% delle imprese). Riguardo ai beni culturali, invece, è Teramo che presenta il peso più elevato (11,0%) che la pone al terzo posto nella graduatoria delle province italiane.

Le aree a pericolosità da frana elevata comprendono quote di superficie e popolazione superiori (rispettivamente 9,1% e 3,0%) e percentuali inferiori di imprese e beni culturali (rispettivamente 2,0% e 1,7%). Nel territorio regionale non sono presenti aree classificate con pericolosità da frana media mentre quelle con pericolosità da frana moderata (P1 cioè il livello minimo di pericolosità) rappresentano il 4,3% della superficie abruzzese e ricomprendono l’1,4% della popolazione, l’1,0% delle imprese e l’1,6% dei beni culturali. Le aree di attenzione rappresentano il 3,8% del territorio (2,8% in Italia), lo 0,7% della popolazione lo 0,5% delle imprese e l’1,1% dei beni culturali.

Il resto del territorio regionale (76,9%) risulta non classificato come soggetto a pericolosità da frana.

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…