Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
 Anche Vasto e San Salvo, due Comuni simbolo dal tratto abruzzese della Ciclovia Adriatica, tra i 10 nuovi Comuni
0
Mascia "ereditato strada con tante criticità"   "Abbiamo ereditato una strada con tante criticità: un cantiere
0
E' scomparso ieri a 87 anni il giornalista aquilano Amedeo esposito, il cordoglio di chi lo conosceva. "E ' morto
0
Il Comune di Fossacesia ha trasmesso al Presidente della Giunta Regionale, Marco Marsilio, al Dipartimento della
0
Si celebra domenica 17 novembre a Teramo la Giornata regionale del Ringraziamento, la tradizionale ricorrenza che dal
0
iniziative in Ospedale e ponte Ennio Flaiano illuminato di luce viola, il colore simbolo della prematurità. Questa
Abruzzo/inceneritore. Mazzocca dissente."Frazione rifiuti" al termovalorizzatore molisano

Mazzocca: “L'idea riguarda la possibilità di utilizzare l'attuale capacità del termovalorizzatore attivo in Molise, che potrebbe accogliere le idonee e necessarie frazioni di rifiuto di entrambe le regioni”. M5stelle "Trasformare la spazzatura in una risorsa si puo’

Roma. Ieri 4 febbraio si è svolta una seduta della 'Conferenza delle Regioni' con, all’ordine del giorno, il parere sullo schema di decreto recante "Individuazione della capacità complessiva di trattamento degli impianti d'incenerimento di rifiuti urbani e assimilabili in esercizio o autorizzati a livello nazionale", meglio noto come "Decreto Inceneritori".

In tale occasione la Regione Abruzzo, rappresentata dal Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega all’Ambiente Mario Mazzocca e dal Vice Presidente Giovanni Lolli, ha ribadito il proprio parere negativo sul detto Decreto, parere per altro già formulato sia in sede di 'Commissione Ambiente' che in una precedente seduta della Conferenza.

“La nostra posizione – interviene il Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega all’Ambiente Mario Mazzocca - di deciso dissenso dalla previsione localizzativa di un ‘Impianto di incenerimento di rifiuti urbani e assimilabili’ proprio in Abruzzo, da me gia' evidenziata direttamente al Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti quale metro del neoinsediato 'Comitato Istituzionale per la Qualità dell'Aria', è basata su considerazioni oggettive effettuate dagli uffici regionali che stridono con le valutazioni effettuate dal Governo, generate da dati tecnici non perfettamente collimanti con quelli a nostra disposizione (particolari condizioni geomorfologiche e microclimatiche del territorio regionale, incompatibilità con le previsioni del 'Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti', necessità dell’istituzione di una ‘Cabina di Regia’)”.

“Pur tuttavia – continua Mazzocca – analizzando nel dettaglio il tema specifico della capacità complessiva di trattamento degli impianti di incenerimento di rifiuti urbani con il collega molisano l'Assessore all'Ambiente Vittorino Facciolla, abbiamo ragionato su di una proposta condivisa e che vede le Regioni Abruzzo e Molise, sul tema specifico, lavorare in stretta sinergia”. Di ciò si era già discusso nel corso del tavolo sulla qualità dell'aria svoltasi l’altro ieri al Ministero dell'Ambiente. “L'idea - spiega Mazzocca - riguarda la possibilità di utilizzare l'attuale capacità del termovalorizzatore attivo in Molise, che potrebbe accogliere le idonee e necessarie frazioni di rifiuto di entrambe le regioni”. Al fine di superare le criticità evidenziate anche da altre regioni (Marche, Umbria e Campania), il Presidente della Conferenza Stefano Bonaccini ha quindi cercato insistentemente una mediazione con il Governo, tentativo che ha avuto un esito positivo nel pomeriggio. In sede di Conferenza Stato-Regioni, infatti, il Governo ha accolto i due emendamenti decisivi, quali il riconoscimento della valenza delle pianificazioni regionali e la possibilità di stipulare accordi interregionali, entrambi sostenuti dal presente Sottosegretario Mazzocca ed all'uopo delegato in rappresentanza della Regione Abruzzo. “Manifestiamo - conclude Mazzocca - tutto il nostro apprezzamento per la condivisione della soluzione trovata. Con la Regione Molise inizieremo presto a studiare e approfondire i dettagli della proposta al fine di renderla agevolmente e speditamente praticabile. In ogni caso, ogni ragionamento non potrà prescindere dalla necessità di avviare una decisa strategia sul tema dell'economia circolare ed implementare tutte quelle attività finalizzate a contenere al massimo la produzione di rifiuti”.

M5stelle/Inceneritore, Mazzocca nasconde la testa sotto i rifiuti

M5S “Trasformare la spazzatura in una risorsa si puo’, la proposta che porta l’abruzzo in nord europa” "Spostare i rifiuti in Molise, questa la (non)soluzione del Sotto-segratario Mazzocca con delega ai rifiuti che trasforma il no all’inceneritore in un sì, purché a bruciare i rifiuti abruzzesi sia l’impianto molisano. Una decisione stridente con quell’anima ambientalista che il Sottosegratario di Sel dovrebbe adoperare per tutelare la nostra regione. Una decisione che avvalora la politica reinserita in Italia dallo sblocca Italia, volta alla transumanza dei rifiuti da Nord a Sud dell’Italia, che ha dato origine a drammatiche realtà come la terra dei fuochi." “E’ inconcepibile che l’Abruzzo scelga di nascondere i rifiuti sotto al tappeto del vicino Molise, rinunciando ai vantaggi economici e lavorativi che si genererebbero grazie all’economia del riciclo e ad una vera incentivazione dell’industria dei rifiuti nel territorio abruzzese”commenta il M5S Abruzzo “il consigliere Mazzocca ha la grave responsabilità di non aver ancora dotato Regione Abruzzo del nuovo piano regionale per la gestione dei rifiuti, fermo dal 2007. Un piano, che secondo il M5S, dovrebbe guardare al recupero della materia prima, e non all’incenerimento, con lo scopo di trasformare la spazzatura in una risorsa economica e in nuove opportunità lavorative, garantendo, inoltre, la tutela ambientale nella regione verde dei parchi. Il M5S” continuano “al contrario della sindrome bipolare dei partiti, anche sui rifiuti propone le stesse soluzioni: dalla Legge “ Rifiuti 2.0” depositata in Parlamento, alle azioni nei Consigli Regionali e Comunali”. “In tema rifiuti” concludono i consiglieri 5 stelle “Il Governo Renzi e il PD vogliono riportare l’Italia al Medioevo. E’ menzogna, sostenere che l’incenerimento, per di più, aggravato dall’apertura ad una libera circolazione dei rifiuti possa essere una soluzione”.

Ultima modifica il Venerdì, 05 Febbraio 2016 16:41
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…