Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
con l’associazione Mede@ Cepagatti. La scorsa mattina, nella Sala Consiliare del Comune di Cepagatti, alla
0
 Confindustria Abruzzo sollecita azione di messa in sicurezza che possa scongiurare chiusura prevista tra un mese.
0
L'elenco delle azioni di questi 5 anni.   Si chiude con un bilancio a 360 gradi l’operato dell’Amministrazione
0
ospiterà Ragioneria Generale dello Stato, l’Ispettorato territoriale del lavoro di Chieti, la sala operativa della
0
 Sì della Giunta al rilascio di certificati online. L’assessore Di Carlo: “Anche Pescara rilascerà certificati
0
Escursioni, passeggiate turistiche, laboratori esperienziali, degustazioni, presentazione di libri e iniziative dal
Abruzzo, Piano rifiuti da rivedere. Ce lo chiede l'Europa

La commissione europea sollecita l'Abruzzo e altre sette regioni italiane a riesaminare i propri provvedimenti in materia di rifiuti. A riferirlo è il deputato europeo M5S Piernicola Pedicini.

 

 

L'Abruzzo ed altre sette regioni italiane entro aprile prossimo dovranno aver riesaminato e aggiornato i propri provvedimenti regionali in materia di gestione dei rifiuti. Lo ha richiesto la Commissione europea al governo italiano in una nota diffusa il 15 febbraio scorso. Precisa Pedicini.

Se le autorità italiane, entro tale data, non interverranno nei confronti delle Regioni inadempienti, la Commissione europea ha comunicato che potrebbe "deferire il caso alla Corte di giustizia dell'Ue". L'organismo esecutivo della Ue ha chiesto all'Italia di far adottare i piani per la gestione dei rifiuti conformandoli agli obiettivi della legislazione europea in materia di rifiuti (direttiva 2008/98/CE) e ai principi dell'economia circolare.

I piani regionali sono destinati a ridurre l'impatto dei rifiuti sulla salute umana e sull'ambiente e a migliorare l'efficienza delle risorse in tutta l'Ue. Gli Stati membri sono tenuti a rivalutare i loro piani di gestione dei rifiuti almeno ogni sei anni ed eventualmente a riesaminarli.

Oltre all'Abruzzo, le altre regioni italiane che, stando alla nota della Commissione europea, non hanno ancora riesaminato i loro piani di gestione dei rifiuti adottati nel 2008 o prima di tale data, sono la Basilicata, l'Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, la Liguria, il Piemonte, la Sardegna e la Sicilia.

La direttiva 2008/98/Ce relativa ai rifiuti, regolamenta, in particolare, il quadro normativo per il trattamento dei rifiuti negli Stati membri dell'Ue e definisce alcuni concetti basilari per il recupero e lo smaltimento. Inoltre, stabilisce gli obblighi essenziali per la gestione dei rifiuti, in particolare un obbligo di autorizzazione e di registrazione per un ente o un’impresa che effettua le operazioni di gestione dei rifiuti e un obbligo per gli Stati membri di elaborare piani per la gestione dei rifiuti. Stabilisce, inoltre, principi fondamentali come l’obbligo di trattare i rifiuti in modo da evitare impatti negativi sull’ambiente e sulla salute umana. Definisce, altresì, il principio «chi inquina paga», il requisito che i costi dello smaltimento dei rifiuti siano sostenuti dal detentore dei rifiuti, dai detentori precedenti o dai produttori del prodotto causa dei rifiuti.

Ultima modifica il Lunedì, 20 Febbraio 2017 17:35
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…