Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
tre ragazzi due minori e un uno di vent'anni, quest'ultimo deferito in stato di libertà dall'autorità giudiziaria per
0
La missione cinese, in visita due giorni per valutare investimenti sul territorio.   Si è svolta, oggi nella
0
"Beffati i cittadini abruzzesi che speravano di poter usufruire della pace fiscale. Regione Abruzzo, infatti, non ha
0
beccato anche un acquirente, 57 anni, che è stato segnalato   Ieri, i Finanzieri del Nucleo di Polizia
0
Padovano: "preoccupa, mina il commercio di Pescara e dell'area metropolitana"- il presidente di Confindustria Chieti
0
Lotta all’abusivismo commerciale portata avanti dalla Polizia Municipale. La Polizia Municipale sequestra oltre
Abruzzo si sfila dal referendum anti trivelle. WWf “ma con quale prospettiva?”

“La scelta del Presidente D’Alfonso di far ritirare la Regione Abruzzo dal referendum anti trivelle e di farlo schierare a fianco del Governo contro le altre regioni è incomprensibile.” Così interviene il WwF Abruzzo.

“All’improvviso, senza nessun dibattito in Consiglio regionale, l’Abruzzo sceglie di cambiare squadra e da quella delle Regioni passa a quella del Governo. È come se durante una partita di calcio uno degli undici giocatori si togliesse la maglia indossata fino a quel momento e si mettesse quella degli avversari per continuare la partita a loro fianco.” E afferma “Si dice che l’obiettivo di fermare la piattaforma Ombrina Mare è stato raggiunto e che non c’è più ragione del contendere. Ma in realtà la Cassazione, confermando il referendum sul divieto di trivellazione delle 12 miglia, sembra ritenere il contrario, e oltretutto la Corte Costituzionale deve pronunciarsi a giorni (19 gennaio) e sarebbe stato meglio attenderne la decisione.” Aggiunge “Inoltre si continua a voler far credere che il problema del petrolio inizi e finisca con la piattaforma Ombrina Mare. Si tratta di una visione miope che non ha alcun fondamento. Se Ombrina è stata (momentaneamente?) bloccata il problema del petrolio in Abruzzo e nel Mare Adriatico continua a esistere perché deriva da una politica energetica del Governo “pro fonti fossili” che non è cambiata e che continuerà a produrre i suoi effetti.” Conclude “D’Alfonso avrebbe dovuto contribuire a costruire e rafforzare un fronte comune con gli altri Governatori per una strategia energetica sostenibile, piuttosto che sfilarsi da questa battaglia.”

Ultima modifica il Sabato, 16 Gennaio 2016 12:26
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…