Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
Marchegiani e Teodoro: “Saremo nei parchi a fare sensibilizzazione per risolvere quello che sta diventando un problema
0
Dea di II Livello, Luigi Febo: “Difenderemo la Cardiochirurgia di Chieti fino alla fine”   Chieti. Il
0
Dal Palazzo dei Priori di Fossacesia (Chieti) al Museo diocesano di Lanciano, la formazione culturale europea passa in
0
Dal 30 marzo al 28 aprile al Museo delle Genti d’Abruzzo la mostra evento con esposizione di documenti e testimonianze
0
Il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio e il Vice Sindaco, Paolo Sisti, hanno ricevuto in Comune a Fossacesia i membri del
0
Il WWF interviene per sollecitare le nomine, in molti casi attese ormai da anni “Primavera” in ritardo per i Parchi
Abruzzo/treni. Pendolari lasciati a piedi Comitato pendolari

linea Teramo Pescara: "Anno nuovo, storia vecchia: pendolari lasciati a piedi senza alcuna emergenza neve"

 

“Nella giornata di giovedì 3 gennaio migliaia di pendolari abruzzesi si sono trovati di fronte ad una situazione paradossale: decine di treni regionali cancellati senza che ci fosse il benché minimo accumulo di neve.” Si legge in una nota di forte disappunto del Comitato pendolari della linea Teramo-Pescara che denuncia duramente le scelte operate dal Gruppo FS italiane a seguito al bollettino meteo emanato dalla protezione civile e che ha portato alla soppressione di oltre 60 treni regionali o interregionali tra quelli di Trenitalia e quelli di Tua S.p.a..

"Il paradosso" - spiegano dal Comitato - "è che nella giornata di giovedì mattina sulla costa abruzzese splendeva il sole e in stazioni come Lanciano o Teramo non c'era alcun accumulo significativo di neve tale da giustificare scelte così drastiche. Capiamo che la situazione meteorologica sia in continuo divenire e che si prevedano forti nevicate a partire dalla serata di giovedì fino a tutto venerdì, ma riteniamo che decisioni così forti che influiscono sulla vita e sugli spostamenti di migliaia di lavoratori, non possano essere prese con tale superficialità. Sembra di assistere - prosegue il Comitato - ad un pilatesco scarico di responsabilità che alla fine va a colpire l'anello più debole della catena, i pendolari appunto. Uno scarico di responsabilità che indirettamente danneggia tutto il sistema produttivo regionale, dato che per molti di noi nella giornata di ieri è stato impossibile recarsi al lavoro se non con l'autovettura. Tra l'altro contribuendo in questo modo ad intasare ulteriormente il già precario sistema stradale abruzzese."

“Ci auguriamo” – conclude il comunicato – “che per le prossime eventuali emergenze neve le decisioni in merito a soppressioni di treni regionali siano prese solo dopo una verifica attenta, puntuale e tempestiva delle reali condizioni meteorologiche, assumendosi anche quelle responsabilità da cui oggi in troppi sembrano voler fuggire.”

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…