Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
Pettinari, "mentre gli autobus cadono a pezzi"     “Ben 300 mila euro stanziati per la copertura di servizi
0
Torna tra i banchi del Consiglio regionale d’Abruzzo la situazione delle acque di balneazione di un tratto di costa
0
All’Università di Teramo l’incontro formativo sul lessico delle Pari Opportunità Questa mattina, all’Università
0
Stella: "nel 2018, la mortalità a trenta giorni sia dell’intervento di valvuloplastica o sostituzione di valvole
0
"Viabilità provinciale angolana: le risorse e progettualità sono della precedente amministrazione di centrosinistra".
0
Il vicesindaco De Laurentis: “Dopo trent’anni il tratto sarà sistemato” Archi (Ch), 18 febbraio 2020 – Sono
Giornata del rifugiato, Flash-mob We welcome refugees

La Circoscrizione Amnesty International Abruzzo-Molise si farà promotrice di un flash-mob il 19 giugno alle ore 12.00 circa in Largo Mediterraneo a Pescara.

 

Il 20 giugno si celebra la Giornata internazionale del rifugiato, per ricordare l'approvazione nel 1951 della Convenzione sui profughi dall'Onu e le persone costrette a fuggire dai loro Paesi a causa di persecuzioni, torture, violazioni di diritti umani, conflitti.

“L’obiettivo di quest’azione è duplice: sollecitare l’Italia e gli altri paesi europei affinché garantiscano ai rifugiati più vulnerabili percorsi legali e sicuri e sfidare i discorsi d’odio e le retoriche negative, dimostrando pubblicamente il nostro appoggio e solidarietà ai migranti e ai rifugiati “ Si legge in una nota

Nel 2015 almeno 5.933 persone sono morte in mare in cerca di protezione. Molte di queste erano bambini. E la situazione continua a peggiorare. Dall’inizio del 2016 a maggio, solo nel mar Mediterraneo sono morti 1.400 migranti, inclusi decine di bambini. “Nessun genitore metterebbe i propri figli su barconi fatiscenti e sovraccarichi se avesse delle alternative più sicure.”

“Chiediamo dunque all’Unione Europea di proteggere i migranti e di garantire condizioni di accoglienza dignitose nonché di impegnarsi a livello globale a promuovere misure e iniziative di cooperazione tra i paesi più ricchi atti a garantire il diritto d’asilo e la creazione di vie legali e sicure affinché nessuno più debba rischiare la vita in cerca di protezione.”

Sarà inoltre possibile firmare una petizione che chiede al governo italiano, come parte dell'Unione europea, di: incrementare i posti disponibili e accelerare il processo di reinsediamento di rifugiati in Italia ed Europa da paesi di prima accoglienza come Libano e Kenya usando vie legali e sicure, favorendo i ricongiungimenti familiari e privilegiando la protezione delle persone più vulnerabili; garantire condizioni di accoglienza dignitose e umane alle persone che arrivano in Italia; impegnarsi a livello europeo e globale per promuovere misure e iniziative di cooperazione tra i Segretariato paesi più ricchi che garantiscano il diritto d'asilo e la creazione di vie legali e sicure affinché nessuno più debba rischiare la vita in cerca di protezione.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…