Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
un fatto veramente inquietante   E' accaduto oggi, a Città Sant'Angelo, PE, verso le 18.30. Entrano in una casa
0
L’OdN di Teramo e Pescara ha una nuova guida Andrea Ambrosini è il nuovo presidente dell'Ordine dei Notai dei
0
E’ allarme siccità in Abruzzo con particolare riferimento alla provincia di Teramo, dove la disponibilità idrica sta
0
Presentato il programma del Carnevale Giuliese. Dopo vent’anni torna l’appuntamento con i carri allegorici e la
0
Martedì 25 febbraio il tradizionale Corteo per le vie del centro storico. Incendio del Fantoccio.   Sfilata di
0
"Salvini viene a Chieti due volte, nel giro di sessanta giorni, e dice: ci metto la faccia. Io e chi con me amministra
Goletta Verde, reati e criticità sul mare d'Abruzzo

Legambiente presenta i dati del dossier Mare monstrum. Il monitoraggio di Goletta Verde in Abruzzo. 3 su 8 i punti risultati fortemente inquinati: sono le foci del fiume Alento, del Feltrino e del canale in località ‘la foce’ a Rocca San Giovanni

 

In Abruzzo 5,5 reati per ogni chilometro di costa

Goletta Verde nel suo viaggio pone da sempre l’attenzione al brutale assalto che continuano a subire il mare e le coste italiane. Reati che non risparmiamo l’Abruzzo , come dimostra la fotografia scattata come ogni anno dal dossier Mare Monstrum 2019 di Legambiente, basato sul lavoro delle Forze dell’ordine e delle Capitanerie di porto. In Abruzzo sono 698 le infrazioni accertate dalle forze dell’ordine nel 2018 per i reati legati al “mare illegale”, con 763 persone arrestate o denunciate e 148 sequestri: in pratica 5,5 infrazioni ogni chilometro di costa.

In testa alla classifica spiccano i reati commessi legati al mare inquinato (da intendere in particolare per scarichi inquinanti e mala depurazione): 270 quelli accertati lo scorso anno con 342 denunce e 101 sequestri. Seguono quelli legati al ciclo del cemento con 193 infrazioni accertate nel 2018 con 200 persone denunciate o arrestate e 24 sequestri effettuati. C’è poi il saccheggio della risorsa ittica dove si contano 198 reati; 198 denunce e 4 sequestri per un totale di 19.600 kg di prodotti ittici (la quasi totalità pesce, caviale, salmone, tonno rosso, datteri).

Per la salvaguardia dell’ecosistema marino, è il contrasto alle pratiche illecite nella navigazione da diporto sanzionate in particolare dalla Guardia di finanza e dalle Capitanerie di porto. In Abruzzo sono stati censiti 37 reati con 23 persone denunciate e 19 sequestri.

Monitoraggi

In Abruzzo alle foci dei fiumi sono i punti dove spesso i monitoraggi trovano le acque con valori di inquinanti, per problemi legati ad una cattiva o assente depurazione. La foce del fiume Feltrino, comune di San Vito chietino e quella del canale “la Foce” nel Comune di Rocca San Giovanni, sono risultate fortemente inquinate come accaduto già nei due anni precedenti. Così come quella del Fiume Alento, anch’essa risultata fortemente inquinata come l’anno precedente, quando i nostri tecnici hanno iniziato a monitorarla.

Gli altri cinque punti monitorati sono invece risultati con valori dentro i limiti di legge. Tra questi altre due foci, quella del fiume Vibrata e quella del Fiume Sinello, segno che non ci si può certo rassegnare a pensare che alcuni punti critici, solitamente non monitorati dagli Enti, siano inevitabilmente inquinati, ma piuttosto sia necessario spingere le amministrazioni a mettersi in rete e confrontarsi per migliorare la depurazione e la qualità dell’acqua dei fiumi che poi arrivano nel mare.

Un monitoraggio che, dopo le intense piogge del mese di maggio che hanno causato numerose criticità depurative lungo tutta la costa, ha risentito dell'improvviso cambio di temperature e delle condizioni meteorologiche avvenuto a metà giugno con l’arrivo dei tecnici di Legambiente.

Queste sono ‘fotografie’ istantanee per portare all’attenzione di amministratori e cittadini le criticità che minacciano la qualità e la salute dei mari.

Goletta Verde, con la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane, in Abruzzo ha effettuato la sua settima e ottava tappa, prima a Pescara e poi a Vasto. Mattia Lolli portavoce della Goletta Verde ricorda le quattro procedure di infrazione comminate all’Italia dall’Ue con un nuovo deferimento alla Corte di Giustizia arrivato pochi mesi fa. "Soldi che avremmo potuto spendere per progetti innovativi a tutela del mare".

Giuseppe Di Marco, pres. Legambiente Abruzzo pone attenzione sulle criticità di alcuni punti della Costa dei Trabocchi che comunque quest’anno guadagna le tre velle della guida Blu, "a testimonianza di un impegno sempre più crescente di tutti gli attori del territorio.”

Il monitoraggio di Legambiente (i prelievi sono stati eseguiti dalla squadra di tecnici tra il 18 e il 19 giugno scorso) prende prevalentemente in considerazione i punti scelti in base al “maggior rischio” presunto di inquinamento. Foci di fiumi e torrenti, scarichi e piccoli canali che spesso troviamo sulle nostre spiagge che rappresentano i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta alla insufficiente depurazione dei reflui urbani o agli scarichi illegali che, attraverso i corsi d’acqua, arrivano in mare.

I risultati hanno risentito delle diverse condizioni meteo tra il mese di giugno, dove l’intensa piovosità delle settimane precedenti ha causato maggiori portate di fossi, canali e fiumi in mare, e le scarse precipitazioni nei mesi successivi con conseguente minor apporto dei corsi d’acqua.

Questi gli altri punti monitorati, le cui acque sono state giudicate con inquinanti “entro i limiti di legge”: tra di Comune di Martinsicuro e Alba Adriatica (Foce fiume Vibrata); nel Comune di Giulianova (Spiaggia fronte Thaon); nel comune di Montesilvano (Spiaggia presso traversa IV, 100m sud fiume Saline); nel Comune di Pescara (Spiaggia in corrispondenza piazza Primo Maggio) e nel Comune di Casalbordino (Fiume Sinello).

Cartellonistica informativa rivolta ai cittadini

Nonostante sia obbligatoria ormai da anni per i comuni, non viene ancora rispettata. Nei dodici punti monitorati solo in un caso (a Francavilla al Mare presso la Foce del fiume Alento) i tecnici di Goletta Verde hanno segnalato la presenza di questo cartello, mentre in due casi nei punti non campionati dalle autorità competenti, non era presente il cartello di divieto di balneazione come previsto dalla legge.

Tra i fattori inquinanti, troppo spesso sottovalutati, c’è anche l’improprio smaltimento degli oli esausti.

I RISULTATI DELLE ANALISI DI GOLETTA VERDE IN ABRUZZO *prelievi effettuati il 18 e 19 giugno 2019

PROV COMUNE LOCALITÀ                                         PUNTO                        GIUDIZIO

TE Martinsicuro/Alba Adriatica Villa Rosa di Martinsicuro Foce fiume Vibrata Entro i limiti

TE Giulianova Lungomare Zara Spiaggia fronte Thaon Entro i limiti

PE Montesilvano Spiaggia presso traversa IV, 100m sud fiume Saline Entro i limiti

PE Pescara Spiaggia in corrispondenza piazza Primo Maggio Entro i limiti

CH Francavilla a Mare Foce fiume Alento Molto inquinato

CH San Vito Chietino Marina di S. Vito Foce fiume Feltrino Molto inquinato

CH Rocca S. Giovanni La Foce Foce canale localita la foce Molto inquinato

CH Casalbordino Foce Fiume Sinello Entro i limiti

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…