Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
Acerbo e Di Sante: "Apriamo le porte ai profughi, chiudiamole al fascista islamista Erdogan!"   Rifondazione
0
Galleria, intellettuale, ricordato con affetto per Fuori Uso che diede impulso creativo e artistico al territorio
0
Storico giornalista abruzzese   GIULIANOVA – Dopo essere stato insignito nel 2013 del titolo di Cavaliere, per
0
 La risposta di +Europa +Teramo: contenitore vuoto a Villa Mosca". Movimento 5 Stelle il 26 e 27 ottobre lancerà una
0
La presidente dell'Associazione Noi con la famiglia contro il simbolo del Gay pride 2020 a Pescara, contro l'invito
0
Nuova vita per i depuratori: concluso l'intervento a Serramonacesca Lo fa sapere l'ACA. Conclusi i lavori sul
Vasto. Consorzio di Bonifica Sud, rinvio delle elezioni

una lista ha espresso dissenso

 

Erano presenti anche il consigliere regionale e candidato Presidente del M5S Sara Marcozzi ed il consigliere regionale Pietro Smargiassi, questa mattina presso la sede del Consorzio di Bonifica Sud, dove una lista dei consorziati indipendenti ha voluto esprimere il dissenso sul rinvio delle elezioni consortili, che erano invece previste per il  2 dicembre.

Un rinvio, come espresso in conferenza, deliberato dal Commissario straordinario con Delibera n. 432 del 09/11/2018 a sole 72 ore dalla presentazione delle liste dei candidati, in seguito alla richiesta delle quattro associazioni di categoria CIA, COLDIRETTI, COPAGRI E CONFAGRICOLTURA.

"La data del 02 dicembre era idonea, secondo i consorziati, in quanto, il 31 dicembre p.v. scade il mandato dell'attuale commissario straordinario. Cosa accadrà a quel punto? Si opterà per un’ennesima proroga di mandato?" Ascoltate le motivazioni dei cittadini consorziati, Sara Marcozzi e Pietro Smargiassi si sono resi disponibili ad approfondire quanto accaduto, "Chiederemo chiarimenti nella commissione di vigilanza e al Commissario – affermano i 5 stelle - per capire le ragioni di un rinvio così repentino attraverso delibera emanata pochi minuti dopo la richiesta. Tutto a fronte di motivazioni poco efficaci per prendere una decisione così importante. Questo rinvio se non correttamente motivato potrebbe rappresentare la volontà da parte della politica di mantenere ancora le mani su un ente in forte deficit, i cui costi sono sostenuti dai consorziati, senza che ne traggano alcun beneficio".

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…