Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Il concetto di Smart Land arriva a Pianella

C’è un nuovo concetto di sviluppo di comunità che si sta facendo strada, coinvolgendo chi proprio sul territorio opera giornalmente, come imprese, utility, amministrazioni pubbliche, associazioni, singoli cittadini; è il concetto di Smart Land.

Da questa nuova idea di sviluppo, martedì 24 settembre alle ore 18.30, presso la Sala Consigliare del Comune di Pianella, il Rotary Club Vestini organizza un incontro dal titolo “L’innovazione digitale per il benessere dei territori” a cura di tre esperti: Michele Vianello - Digital Manager di diversi enti pubblici e privati in tutta Italia, Paolo Mancini - CEO della società OMNIA HI-TECH S.r.l. e Pietrangelo Di Fiore – Direttore Commerciale MICSO S.r.l. A differenza di quanto avviene nelle Smart Cities, che puntano sulla gestione dei big data per migliorare i servizi con l'utilizzo della tecnologia, il motore per la trasformazione smart delle aree interne (Smart land - territori intelligenti) sono le comunità stesse, che vedono nella digitalizzazione uno strumento per rendere più agevole la vita nelle aree rurali.

Smart Land è un’idea tutta italiana di sviluppo territoriale sostenibile dove più ambiti urbani e rurali si uniscono in un unico “territorio intelligente” nel quale sperimentare politiche diffuse e condivise orientate ad aumentare l’attrattività dei territori con un’attenzione specifica alla coesione sociale, all’innovazione, alla diffusione delle conoscenze, alla creatività, all’accessibilità, alla libertà di movimento, alla fruibilità dell’ambiente (naturale, storico-architettonico ed urbano) e alla qualità della vita dei cittadini.

L’incontro sarà quindi un momento di confronto tra cittadini, esperti ed amministratori locali sull’importanza della rivitalizzazione dei servizi per la popolazione attraverso l’innovazione digitale; un input per creare una forma di sviluppo organico del territorio che segua l’idea di “metropoli diffusa”, prendendo le distanze dalle logiche localistiche che troppo spesso caratterizzano gli interventi dei comuni e degli enti locali stessi.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…