Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pianella/Emergenza viabilità, il sindaco: “utilizzare le risorse inviate da Salvini”

La chiusura al traffico del ponte sul fiume Nora che collega Vallemare a Villareia riporta prepotentemente sull’agenda politica provinciale il problema della viabilità drammaticamente compromessa in varie zone della provincia.

 

Scrive il sindaco di Pianella Sandro Marinelli: “ Dal gennaio 2017 abbiamo subito la totale interdizione al traffico della strada provinciale che collega Pianella a Loreto Aprutino, riaperta da alcuni mesi con un precario senso unico alternato reso possibile dalla fornitura dell’impianto semaforico garantita dal comune di Pianella alla provincia, ed a distanza di oltre due anni non è stato ancora redatto nemmeno il progetto per la soluzione definitiva del problema ed ora la interdizione al traffico del ponte di Villareia, che costituisce collegamento vitale per lo sbocco di tutta l’area Vestina sulla Val Pescara e sull’autostrada per Roma, rischia di mettere definitivamente in ginocchio l’economia dei nostri territori, rendendo proibitive le condizioni di lavoro per molte imprese”.

“Per tale ragione – continua il primo cittadino – rivolgo un invito al Presidente Antonio Zaffiri affinchè convochi con urgenza un tavolo con i sindaci dei comuni interessati, anche indirettamente, da tali emergenze, al fine di concordare l’utilizzo delle consistenti risorse, per oltre 2 milioni di euro, che alcune settimane fa il Ministro Salvini ha inviato alla provincia di Pescara e finalizzate proprio a superare tali criticità e che, nonostante siano noti i problemi di bilancio, non possono essere integralmente dirottate agli equilibri finanziari, sui quali sarebbe invece auspicabile un’azione tesa a far emergere le responsabilità politiche ed amministrative di chi ha governato nel periodo precedente.”

“ Non credo – conclude il sindaco – che sia revocabile in dubbio la natura assolutamente prioritaria ed emergenziale del pronto ripristino delle due arterie, poiché i nostri comuni rischiano il collasso economico e sociale ed ulteriori ritardi sarebbero imperdonabili.”

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…