Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Sgarbi a Pescara per “L'Arte al Femminile nel mondo liquido”

Inaugurata la mostra con gara per un selfie con Sgarbi davanti ai quadri Bagno di folla per Vittorio Sgarbi giunto a Pescara per le quattro artiste abruzzesi del Gruppo 4 Postmoderno Liquido, Patrizia D'Andrea, Rena Saluppo, Lucia Ruggieri e Loriana Valentini.

Il Museo Vittoria Colonna ha stentato a contenere la gente curiosa di vedere da vicino quello che ormai è diventato un personaggio più che un critico d'arte chiamato a tagliare il nastro del vernissage. “La scelta di un gruppo di donne artiste di mettersi insieme è sicuramente una novità nel panorama attuale – ha sottolineato Sgarbi – ma non lo è il loro essere donne nell'arte. Ormai le donne hanno invaso questo mondo in maniera prepotente ma come tutti gli artisti anche loro hanno bisogno di un mercante d'arte che le accompagni. Le loro opere sono degne di interesse e loro stesse hanno un carattere molto ostinato che potrebbe essere vincente. C'è da dire che sono artiste brave al di là del sesso. La loro espressione artistica si differenzia ma si assomiglia. Le loro sono pennellate di colori e di emozioni vitali unite da una sapiente tecnica. Personalmente preferisco i percorsi visti singolarmente, ma è indubbio che la loro unione è originale”. Soddisfatta Rena Saluppo, presidente del Gruppo 4, che ha spiegato che l'obiettivo della start up nata dall'unione delle quattro artiste è quello di valorizzare e promuovere il talento femminile “senza per questo discriminare gli uomini”. La mostra infatti che propone i quadri delle pittrici abruzzesi è inserita in una rassegna Arte&Donna pensata per comunicare iniziative a carattere sociale come la prevenzione sanitaria, l'educazione all'arte, la valorizzazione del talento femminile, l'economia dell'arte. E per questo contiene una serie di appuntamenti al suo interno che proseguono fino al 30 ottobre. Il primo di questa serie ha già portato a Pescara ieri Laura Cherubini, critico e curatore, docente di Storia dell'Arte Contemporanea Accademia di Brera di Milano, che è stata vicepresidente del Museo Madre di Napoli e curatrice di molti “Fuori Uso” a Pescara. “C'è da augurarsi che iniziative come questa – ha detto – facciano ritornare a Pescara artisti contemporanei che in questa città potrebbero trovare il luogo ideale per esporre le loro opere. Magari proprio in questo museo”.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…