Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Bologna Pescara 3-1, qualche minuto per Gilardino.

di Massimo Sanvitale

Il Pescara perde 3 a 1 Bologna al termine di una partita da pochi argomenti. Destro sfrutta la comoda occasione per segnare due gol, in rete anche l’ex biancazzurro Di Francesco. Di Bahebeck il gol pescarese.

 

 

Zeman sostituisce lo squalificato Benali con Mitrita, Brugman confermato regista con Coulibaly e Memushaj mezzali. Il primo tempo inizia e il Bologna impiega 7 minuti per passare in vantaggio: errore di Fiorillo che dal fondo serve Di Francesco, il suo cross è preciso e trova Destro ad anticipare il portiere biancazzurro. Il Pescara prova a reagire, tuttavia la squadra è ancora lontana dalle idee zemaniane, si intravede solo una generica e confusa voglia di attaccare. Al 24’ è Bahebeck a trovare il gol del pareggio, servito da Mitrita a seguito di una buona azione. Il francese sembra sempre in debito di condizione, però le qualità sono evidenti. Al 31’ ci prova Verdi da fuori, para Fiorillo. Poco più tardi Fornasier respinge un tiro di Taider.Nei minuti finali, il Bologna si vede giustamente annullare due gol per fuorigioco.

Ad inizio ripresa il Bologna passa nuovamente in vantaggio: Torosidis calcia da fuori area, Memushaj devia ma il pallone si impenna e finisce nella zona di Di Francesco, il quale batte Fiorillo con un delicato esterno destro. Al minuto 8’, Zeman sostituisce Coulibaly e Mitrita con Milicevic e Muric. Il giovane scuola Ajax continua a non convincere, sembra ancora troppo leggero per certi livelli. L’ingresso di Milicevic, al contrario, ha un qualche impatto. Il giocatore appare a suo agio nel ruolo di mezzala e dimostra di avere buona fisicità e propensione agli inserimenti. Proprio in occasione di uno di questi, arriva sul pallone e lo appoggia con il tacco a Caprari, il quale perde l’attimo e si fa murare. Poco dopo i due si invertono i ruoli, così è Caprari a servire Milicevic culla corsa, il suo tiro è respinto da Mirante. Al minuto 28’ entra Gilardino per Bahebck. L’esperto centravanti si piazza in area cercando di sgomitare per trovare spazio, la squadra, però, non riesce a servirgli palloni giocabili. È il minuto 46’ quando il Bologna riesce a costruire un contropiede concluso da Destro che segna il 3 a 1. Allo scadere, Muric cerca un sinistro a giro, para Mirante. Fischio finale.

La partita ha offerto quello che tutti si aspettavano: nulla. Due squadre con il pensiero altrove hanno inscenato uno spettacolo mai convinto, Zeman avrà molto da lavorare in estate.

Tabellino:

BOLOGNA (4-2-3-1): Mirante, Torosidis, Helander, Maietta (57' Krafth), Mbaye, Donsah (75' Pulgar), Taider, Verdi, Di Francesco, Krejci (73' Okwonkwo), DestroA disposizione: Da Costa, Sarr, Oikonomou, Sadiq, Petkovic, Rizzo, Trovade, Tabacchi

All. Roberto Donadoni

PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Zampano, Bovo, Fornasier, Biraghi, Coulibaly (53' Milicevic), Brugman, Memushaj, Mitrita (53' Muric), Bahebeck (73' Gilardino), Caprari

A disposizione: Bizzarri, Crescenzi, Bruno, Verre, Kastanos, Muntari, Cerri, Coda, Cubas

All. Zdenek Zeman

MARCATORI: 8' Destro, 24' Bahebeck, 48' Di Francesco, 91' Destro

AMMONITI: Bovo, Coulibaly, Donsah, Destro

ARBITRO: Antonio Di Martino (Teramo)

Ultima modifica il Domenica, 14 Maggio 2017 19:09
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…