Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Cittadella Pescara 2-0, la squadra di Zeman non segna più

Il Pescara esce sconfitto dal Tombolato di Cittadella per due reti a zero, partita decisa da due gravi errori di Gravillon. I biancazzurri creano diverse occasioni da gol – senza tuttavia entusiasmare nel gioco – ma l’imprecisione sotto porta e le parate di Alfonso condannano i ragazzi di Zeman alla terza partita senza segnare.

La formazione iniziale è quella annunciata, con l’unica sorpresa consistente nella conferma di Bunino centravanti. Il giovane attaccante non giocherà una buona partita, sciupando occasioni e sbagliando giocate facili. Al minuto 8’, infatti, Bunino avrebbe la possibilità di segnare sfruttando un preciso cross di Mazzotta, tuttavia il colpo di testa non è preciso e il pallone finisce a lato. Al minuto 19’, Gravillon stende ingenuamente in area Vido e l’arbitro concede calcio di rigore, Iori trasforma e porta in vantaggio i suoi. Al 28’, Falco calcia una buona punizione in area, Valzania non trova per un soffio la deviazione vincente. Dai piedi di Falco nascono le cose migliori, il giocatore è in ritardo di condizione ma la sua qualità è limpida e sarà certamente di aiuto. Al 39’ ci prova Brugman da fuori, para Alfonso.

La ripresa inizia con la sostituzione di Capone – non brillante da diverse giornate – per Mancuso. Il Pescara manovra in attacco ma non riesce a trovare gli attaccanti.

Al minuto 18’, Gravillon regala il pallone a Kouame con un goffo retropassaggio di testa, il centravanti avversario ringrazia e trafigge Fiorillo con il sinistro. Dispiace per il giovane difensore ex Benevento, oggi autore di una pessima prova a seguito del suo incoraggiante esordio contro la Salernitana. Al minuto 25’, Falco si accentra e calcia di sinistro colpendo il palo a seguito di una deviazione di Alfonso. Zeman decide di sostituire Balzano con Fiamozzi. Il cambio sarebbe comprensibile solo in caso di problemi fisici per Balzano, altrimenti si faticherebbe a trovare una spiegazione ragionevole.

Al 32’, Mazzotta offre un’ottima palla a Mancuso, il quale arriva in corsa e da due passi non riesce a battere Alfonso, molto reattivo nell’occasione. Al 40’ è Brugman a poter segnare da distanza ravvicinata, tuttavia non trova la coordinazione giusta e calcia debolmente. Fischio finale.

Sebbene il Pescara abbia creato qualche occasione non può certamente gridarsi ad una crescita, le partire sono decise da episodi. Noi crediamo che questa squadra debba lottare per garantirsi una salvezza tranquilla, distante ancora 14 punti.

Tabellino:

Cittadella (4-3-1-2): Alfonso, Pelagatti, Adorni, Scaglia, Salvi, Schenetti (72' Bartolomei), Iori, Settembrini, Chiaretti, Kouamè (65' Strizzolo), Vido (81' Lora) A disposizione: Paleari, Benedetti, Pezzi, Caccin, Strizzolo, Arrighini, Pasa, Adorni, Maniero, Fasolo All.: Roberto Venturato

 

Pescara (4-3-3): Fiorillo, Balzano (72' Fiamozzi), Campagnaro, Gravillon, Mazzotta, Valzania, Carraro, Brugman, Falco, Bunino, Capone (46' Mancuso) A disposizione: Savelloni, Crescenzi, Yamga, Coda, Pettinari, Fornasier, Cocco, Machin, Coulibaly, Baez All.: Zdenek Zeman Marcatori: 20' Iori (rig.), Kouamè Ammoniti: Schenetti, Gravillon, Settembrini, Carraro, Mancuso Arbitro: Sig. Antonio Giua (Olbia) Assistente1: Sig. Luigi Rossi (Rovigo) Assistente2: Sig. Manuel Robilotta (Sala Consilina) IV Ufficiale: Sig. Giovanni Ayroldi (Molfetta)

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…