Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Frosinone Pescara, possibile ritorno alla difesa a tre

di Massimo Sanvitale

Domani, con inizio ore 15:00, il Pescara sarà ospite del Frosinone di Alessandro Nesta al nuovo Stadio Benito Stirpe.

Il sesto posto in classifica della squadra ciociara deve considerarsi deludente per una società che sa lavorare bene e che ha costruito una rosa di certissimo rilievo. La partita, dunque, appare densa di insidie e crediamo che l’avversario possa giustificare qualche specifico accorgimento. Senza esagerare, però.

Il riferimento, naturalmente, è alle idee che sembrano frullare nella testa di mister Zauri, orientato per riproporre la sua squadra con una difesa a tre (rectius, a cinque se vogliamo – e lo vogliamo – spogliarci di ogni stucchevole ipocrisia). A nostro avviso risulta davvero complessa la comprensione di una scelta simile, il Pescara con il 3-5-2 si è sempre espresso male, talvolta malissimo. Il Pescara ha trovato un proprio – discreto – equilibrio con il 4-3-2-1 e non con il 3-5-2 per ragioni ben definite, immediatamente identificabili, tanto da consentire a chi scrive di stilare un velocissimo, irrituale e non tassativo elenco: 1) Il Pescara ha in rosa qualcosa come 10 giocatori collocabili tra la metà campo e la trequarti, tra i quali possono annoverarsi Memushaj, Machin, Palmiero, Melegoni, Busellato. Insomma, sembra evidente che la mediana sia il punto di forza di questo Pescara, dunque appare ragionevole giocare con cinque reali centrocampisti e non con tre centrocampisti e due terzini.

2) Il rendimento di Galano e Machin è straordinario (16 gol in due) e notevolmente migliorato a seguito del cambio di modulo. Il motivo è l’inserimento di Borrelli, il quale con il proprio fisico e la propria attitudine ha creato loro lo spazio necessario, impossibile senza una punta che sappia battagliare. Dunque, perché rinunciare a Borrelli? Persino nelle partite in cui è stato sostituito la squadra ha smesso di rendersi pericolosa. 3) Il Pescara non ha in rosa dei veri esterni da 3-5-2, quelli che in gergo si chiamano i quinti. Forse potrebbe esserlo Ciofani, tuttavia non sembra, ovviamente, avere le forze di un tempo. Forse Crecco, ma andrebbe provato meglio. Poi ci sono i terzini, certamente adattabili, ma in una declinazione del modulo tutta difensiva. 4) Una ragione contingente è l’assenza di Fiorillo (che invero preoccupa non poco, anche e soprattutto a seguito delle voci che vogliono il Pescara interessato a Marchetti). La difesa a tre, persino quando è proposta dalle grandi, porta le squadre ad abbassarsi e a difendere in area. Il Pescara, finché la porta sarà difesa da Kastrati, non può permetterselo. Potremmo in realtà proseguire, tuttavia ci sembra sufficiente quanto detto. Insomma, l’impressione è che sia un eccesso in prudenza a guidare mister Zauri, per non dire una paralizzante paura di perdere.

Ad ogni modo, in conferenza il mister così risponde: “La difesa a tre è una possibilità per domani, ma bisognerà sempre correre. Abbiamo giocatori bravi che ci permettono di adattarci con ogni schieramento”. Purtroppo Palmiero sarà ancora assente, anche se al rientro tra i convocati così come Campagnaro. Indisponibile anche Bettella, così in ipotesi di difesa a tre troverebbe una maglia da titolare, insieme a Drudi e Scognamiglio, Davide Vitturini. Sebbene crediamo fermamente che meriti di giocare di più – ed anzi talvolta alcune sue esclusioni sono sembrate davvero esagerate – appare insensato il dover adattare Vitturini nel ruolo di centrale in nome di un’inutile e dannosa difesa a tre.

Dalla società trapela malcontento sull’operato di Zauri, accusato – grosso modo a ragione – di proporre un gioco troppo difensivista. In altre parole, lo spettacolo latita ed in parte anche i risultati. Dal canto suo, Zauri con questo cambio modulo (se così sarà) dimostra di non dare ascolto a nessuno se non a sé. Questo è certamente apprezzabile, ma chissà se il Presidente Sebastiani la pensa così.

Probabili formazioni:

Frosinone (3-5-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Capuano; Zampano, Paganini, Maiello, Gori, Beghetto; Ciano, Dionisi. All. Nesta

Pescara (3-5-2-): Kastrati; Drudi, Scognamiglio, Vitturini; Ciofani, Busellato, Kastanos, Memushaj, Crecco; Machin, Galano. All. Zauri

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…