Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara Parma, inizia l’era Epifani.

Domani, con inizio ore 15:00, il nuovo Pescara di Massimo Epifani ospiterà il Parma dell’ex Lanciano D’Aversa. La squadra cambierà aspetto, si attende una spinta di normalizzazione.

 

 

L’esonero di Zeman giunge inatteso perché fuori tempo, subito dopo la chiusura di un mercato a sua immagine. Le polemiche tra tecnico e società facevano certamente presagire un esito di questo tipo, tuttavia il decorrere del tempo tendeva a consolidare la posizione di Zeman, il quale si avviava ad un tranquillo – e triste – finale di stagione. Ad ogni modo, questa squadra non aveva nulla di zemaniano, come da noi più volte denunciato, così un cambio in sella, perché fosse proficuo, sarebbe dovuto intervenire tempo addietro. Oggi Epifani eredita un gruppo stanco e all’apparenza demotivato, assumendosi l’ingrato compito di non portare idee ma assecondare la natura della rosa. Un normalizzatore, dunque, al fine di ristabilire una rassicurante prevedibilità tecnica.

 

È presto per dire quali saranno i primi aggiustamenti targati Epifani, tuttavia è certo un ritorno di Brugman nel suo ruolo di regista. Sul punto il mister nell’odierna conferenza: “Brugman è un giocatore importante per questa squadra, tornerò a metterlo in mezzo al campo come cercherò di mettere tutti i miei giocatori nelle posizioni naturali. Chiedo equilibrio il prima possibile”. Saggiamente, il nuovo allenatore del Pescara ha preferito imporre gli allenamenti a porte chiuse, per sfruttare le numerose incognite tattiche che porta il suo esordio. Contro un avversario come il Parma sarebbe un delitto non ragionare così. Ancora il mister in conferenza: “Non dico il modulo per non dare certezze agli avversari, non cambierò moltissimo”. Le assenze di Bovo e Campagnaro impediscono di immaginare una difesa a tre nella partita di domani, tuttavia questa appare la soluzione più probabile nell’immediato futuro: “Ho provato sia la difesa a tre sia quella a quattro, ho tutto chiaro in mente”. Ciò che Zeman dovrebbe aver lasciato in dote è una condizione atletica di alto livello, infatti il nuovo tecnico si esprime così: “Per fortuna ho ancora qualche dubbio di formazione e ciò significa che i ragazzi hanno lavorato bene, fisicamente la squadra sta molto bene”.

 

Le indiscrezioni della vigilia sembrano suggerire che il modulo di gioco sarà il 4-2-3-1. Mazzotta dovrebbe essere confermato nel suo ruolo di terzino sinistro, dall’altro lato Fiamozzi sarebbe in vantaggio su Crescenzi per una maglia da titolare. Un turno di riposo per Balzano. Il centrocampo a due sarà formato da Brugman e Valzania, mentre i ruoli d’attacco portano maggiori incertezze. In una prospettiva di rivoluzione gentile, crediamo che il centravanti sarà ancora Pettinari, con Falco alle spalle nella posizione di trequartista. La scelta degli uomini di fascia, poi, definisce la natura del 4-2-3-1. La squadra non ha in rosa degli esterni di centrocampo, ma ali e mezze punte. In questo momento ci sentiremmo di prevedere Capone a sinistra, certamente più ragionatore. Sull’esterno destro potrebbe agire ancora Mancuso, anche se la sua propensione è certamente offensiva. Non da scartare l’ipotesi Yamga, forse più a suo agio in quella posizione.

 

Il Parma è una squadra che punta alla promozione, anche se ormai dovrà passare dai playoff. La stagione è stata al di sotto delle aspettative, tuttavia un imponente mercato di gennaio ha alzato ulteriormente il livello della rosa. In avanti Ceravolo è favorito su Calaiò, Amato Ciciretti ha smaltito l’infortunio e dovrebbe essere della partita.

 

Probabili formazioni:

Pescara (4-2-3-1): Fiorillo; Mazzotta, Coda, Perrotta, Fiamozzi; Brugman, Valzania; Capone, Falco, Mancuso; Pettinari. Allenatore: Epifani

Parma (4-3-3): Frattali; Gazzola, Iacoponi, Di Cesare, Gagliolo; Dezi, Vacca, Scavone; Insigne, Ceravolo, Ciciretti. Allenatore: D’Aversa

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 09 Marzo 2018 14:47
Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…