Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Serie B, Palermo Pescara 3 0, risultato bugiardo.

di Massimo Sanvitale

Il Pescara perde al Renzo Barbera di Palermo contro una squadra troppo più forte. Il risultato, però, appare troppo severo. I biancazzurri hanno offerto un’ottima prestazione collettiva, dominando il gioco nel secondo tempo.

 

La partita inizia con Pillon che decide di rinunciare a Del Grosso, non in perfetta forma, in favore di Ciofani. Stellone schiera i suoi secondo un quasi inedito 4-4-2, con Nestorovski e Puscas come punte. Al minuto 8’, Puscas salta Fiorillo e batte a rete, salva Campagnaro prima che il pallone varchi la linea di porta. Al 16’ ci prova Trajkovski, destro a giro fuori di poco. Al 20’, Machin triangola con Mancuso e conclude, il tiro è però debole e Brignoli blocca. Al 25’, Campagnaro, in rara sortita offensiva, lascia partire un gran destro, Brignoli è reattivo e devia in angolo. Al 37’, il Palermo passa in vantaggio con Puscas, trovato solo in area da Haas. Nell’occasione è evidente l’errore di Campagnaro, che esce in pressione nonostante fosse fuori linea anche Gravillon, consentendo a Puscas di trovare lo spazio per ricevere l’assist. Forse la prima partita negativa di Campagnaro da quando veste la maglia del Pescara.

Il secondo tempo vede il Pescara reagire bene allo svantaggio, controllando agevolmente il gioco e trovando trame interessanti. Il Palermo, tuttavia, ha il merito di difendersi con ordine, riuscendo a respingere ogni tentativo biancazzurro con grande concentrazione. Al 21’, Mancuso viene servito in profondità ma non trova la coordinazione necessaria al tiro. Partita negativa anche per lui, mai capace di liberarsi dalle grinfie di Struna e Rajkovic. Sulla sinistra, invece, Bellusci esce sempre vincitore dal duello con Antonucci, sostituito con Monachello. Entra anche Del Sole per Marras, senza incidere in alcun modo. Al 22’, Trajkovski calcia a botta sicura, un ottimo Fiorillo respinge. Il Pescara continua a macinare gioco, senza però trovare spazi contro un Palermo ben messo in campo. Al 41’, Murawski chiude il match con un preciso destro che si infila all’angolino. Due minuti più tardi, con la partita ormai quasi al termine, arriva il tre a zero di Moreo, a scrivere un risultato bugiardo.

È una sconfitta che conferma quanto già ampiamente osservabile, il Palermo è una squadra nettamente superiore al Pescara. Lo è per valore dei giocatori, per forza fisica, per tasso tecnico, per esperienza. Pillon deve ritenersi soddisfatto di quanto i biancazzurri hanno espresso, costringendo il Palermo ad una partita difensiva. Il Pescara deve continuare a perseguire il suo calcio, in serie B c’è un solo Palermo.

Tabellino:

Palermo (4-4-2): Brignoli; Struna, Bellusci, Rajkovic, Aleesami; Falletti (73’ Murawski) Jajalo, Haas (90’ Chochev), Trajkovski; Puscas (80’ Moreo), Nestorovski. All. Stellone

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Balzano, Gravillon, Campagnaro, Ciofani (77’ Crecco), Memushaj, Brugman, Machin; Marras (64’ Del Sole), Mancuso, Antonucci (58’ Monachello). All. Pillon

Marcatori: 37’ Puscas (Pa), 85’ Murawski (Pa), 88’ Moreo (Pa) Ammoniti: 43’ Mancuso (Pe), 89’ Machin (Pe)

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…