Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Serie B, Pescara-Ascoli 0-1

Inaspettata sconfitta casalinga del Pescara contro l'Ascoli (0-1), che complica il cammino dei biancazzurri verso la salvezza.

 

Un pareggio sarebbe bastato per festeggiare la matematica permanenza in serie B, ma ancora una volta il Delfino riesce a farsi del male da solo. Già a Vercelli una inopinata espulsione di Crescenzi dopo solo 11' condannò il Pescara alla prima sconfitta della gestione Pillon; contro i marchigiani ci ha invece pensato Coda, reo di uno sciocco quanto inutile fallo (nella metà campo ascolana!) a lasciare i biancazzurri in inferiorità numerica dopo 26'. E così per gli uomini di Cosmi, passati in vantaggio al 18' con un colpo di testa di Bianchi sugli sviluppi di un calcio di punizione, è stato assai semplice amministrare la gara. Escludendo l'incrocio dei pali colpito da Machin al 47' con un gran tiro da fuori area, la reazione dei padroni di casa è stata quasi inesistente, mentre copiose sono state le occasioni per raddoppiare da parte degli ospiti, che nel finale di gara hanno centrato due volte i legni con Baldini.

Con Ternana e Pro Vercelli già retrocesse e Virtus Entella praticamente spacciata, a 90' dal termine sono ancora da assegnare i due posti per le squadre che disputeranno i playout. La zona calda della classifica vede al momento Cesena, Brescia e Pescara a quota 47, Ascoli e Avellino a 45, e infine il Novara a 44. Considerando lo scontro diretto tra Ascoli e Brescia, per ottenere la salvezza matematica il Pescara dovrà necessariamente conquistare un punto a Venezia nell'ultima giornata, in programma venerdì prossimo. Una sconfitta in casa dei lagunari con molte probabilità condannerebbe ai playout i biancazzurri, che sono in svantaggio negli scontri diretti nei confronti di Cesena e Brescia; facile anche il compito per l'Avellino, atteso in casa della già retrocessa Ternana.

Dunque uno stop davvero pesante per il Delfino, che ora si giocherà tutto contro il Venezia di Pippo Inzaghi, impegnato invece a migliorare il suo piazzamento nella griglia dei playoff. Pillon dovrà fare a meno, oltre che di Coda, anche di Brugman che, già diffidato, ha rimediato un altro cartellino giallo nel match contro gli ascolani.

 

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Fiamozzi, Gravillon, Coda, Crescenzi; Machin, Brugman, Valzania (78' Baez), Mancuso, Pettinari (70' Bunino), Capone (27' Fornasier). All.: Pillon.

ASCOLI (4-4-2): Agazzi, Pinto (82' Mignanelli), Cherubin, Gigliotti, Mogos, Addae, De Santis, Bianchi (60' Buzzegoli), Clemenza, Baldini, Monachello (46' Rosseti). All.: Cosmi.

Arbitro: sig. Aureliano di Bologna.

Marcatore: 18' Bianchi.

Note: ammoniti Brugman, Cherubin, Bianchi, Clemenza, Rosseti; espulso Coda al 26'; spettatori 9.794 per un incasso di 75.818 €.

Ultima modifica il Sabato, 12 Maggio 2018 18:57
Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…