Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Chieti. Tutti contro Megalò 2: “pericoloso” per ambiente e commercio

Confesercenti, CNA, Casartigiani, UPA, CIA, WWF, Legambiente e i consorzi “Chieti C'entro” e “Le vie del commercio” unite in un gruppo di lavoro contro Megalò 2“ Regione e Comuni si fermino: progetto pericolo per l’ambiente e l’economia”

 

 

Ripercussioni “negative incalcolabili sull'ambiente e sull'economia”: è questo il primo commento su Megalò 2 da parte dei rappresentanti di Confesercenti, CNA, Casartigiani, UPA e CIA, dei consorzi Chieti C'entro e Le vie del commercio, delle associazioni ambientaliste Legambiente e Wwf, dopo aver visionato il progetto di Megalò 2, struttura che prevede un'ulteriore cementificazione di migliaia di metri quadrati adiacenti all'attuale centro commerciale e proprio a ridosso del fiume.

 

Secondo le associazioni “è inconcepibile unire l’intervento sull’argine, a suo tempo realizzato più corto e più basso rispetto alle indicazioni progettuali, a una ulteriore colata di cemento. E appare ancora più inconcepibile insistere su questa opera nonostante l'evacuazione del 2013 per rischio allagamento dell'area (che ha denunciato in maniera concreta e clamorosa come sia stato sbagliato costruire in quella che era una zona di esondazione del Pescara); nonostante tutti gli scandali finiti sulla stampa e sulle TV anche nazionali; nonostante ci si trovi su un'area - quella compresa tra Chieti e Pescara - tra le più cementificate d'Italia; nonostante il progetto sia in completa antitesi con quelle che dovrebbero essere le finalità di un P.R.U.S.S.T.,” nel quale si parla di “riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile”. Si continua a perseverare in un'iniziativa, dicono le associazioni delle piccole imprese e ambientaliste, che avrà conseguenze negative incalcolabili sia sotto il profilo paesaggistico e ambientale, sia per il commercio cittadino ele piccole e medie imprese, sia in ambito sociale.
Le associazioni chiedono  con forza ai Comuni di Chieti e di Cepagatti – “i territori sui quali dovrebbe essere edificata la nuova struttura - e alla Regione Abruzzo di fermare questo ennesimo scempio e comunque di operare con la massima trasparenza ascoltando i cittadini e le associazioni, fortemente contrarie all’intervento alla luce delle conseguenze sopra citate.”

Confesercenti, CNA, Casartigiani, UPA, CIA, WWF, Legambiente e i consorzi “Chieti C'entro” e “Le vie del commercio” annunciano di aver costituito un gruppo di lavoro  e si riservano di intraprendere tutte le azioni necessarie per tutelare il territorio da un'ulteriore speculazione che avvantaggerebbe pochi a danno della collettività dei cittadini

Per Marina De Marco e Dario Rosato (Confesercenti) il progetto diventerà "l'ennesimo inutile megacentro (9 locali di dimensioni tra i 200 ed i 2500 mq), avulso dalla città, e darà la definitiva mazzata all'economia cittadina; per questo chiediamo la massima chiarezza alle autorità per sapere dove stiamo andando e con quali finalità". Daniele Colantonio (Legambiente) afferma che "il progetto prevede un ulteriore allungamento dell'argine, che potrebbe posporre la tracimazione del fiume più a valle, con una potenza tale da riversarsi fino alla foce del fiume ed alla città di Pescara. Già l'esistente Megalò, ricordiamo, è una delle 10 costruzioni più pericolose d'Italia". Nicoletta Di Francesco (WWF Chieti-Pescara) ricorda la lunga battaglia della sua associazione in difesa dell’ambiente fluviale e aggiunge: “Riesce difficile da comprendere perché si insista caparbiamente con scelte che ormai anche i fatti, a cominciare dalla piccola alluvione del 2013, hanno dimostrato essere sbagliate. Quello dei vari Megalò è in realtà-un programma di squalificazione urbana nel quale di sostenibile non c’è proprio nulla”.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…