Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Maltempo. Fossacesia chiede stato di calamità

Regione fa sapere ai privati termine ultimo per ricognizione danni il 22 luglio. Il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, ha preso parte oggi alla riunione tecnica convocata dal presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, alla luce degli eventi calamitosi di ieri per i quali Fossacesia ha chiesto lo stato di calamità naturale.

“Ho illustrato al presidente Marsilio gli ingenti danni provocati dal maltempo a Fossacesia città e lungo il litorale – ha affermato il primo cittadino Di Giuseppantonio a conclusione del vertice -. La tempesta di grandine, pioggia e vento ha interessato strutture pubbliche, private, la viabilità, ha provocato danni al comparto agricolo, agli stabilimenti balneari e ha danneggiato numerosissime auto. Gli uffici comunali preposti stanno fornendo informazioni ai cittadini in attesa che vengano avviate le procedure per i risarcimenti. Suggeriamo di descrivere in documenti, di fornire foto e eventuali fatture per riparazioni eseguite per poter successivamente istruire le pratiche per il ristoro dei danni subiti. Mi preme sottolineare l’ottimo lavoro svolto durante le fasi critiche dell’emergenza dal Comune, dalla EcoLan, dalla Sasi, dalla Provincia di Chieti e da Enel e Tim a dimostrazione che il lavoro in sinergia è sempre determinante – conclude il Sindaco Di Giuseppantonio. La Regione ha comunicato che emanerà le direttive ai Comuni su come raccogliere e presentare le istanze dei cittadini.

 

20.12 aggiornamento

Con riferimento agli eccezionali eventi meteorologici del 10 luglio 2019, con forti piogge associate a trombe d’aria, allagamenti ed estese e violente grandinate ed ai relativi gravi scenari di danno, che si sono verificati prevalentemente su una vasta zona della fascia costiera del territorio regionale, il presidente Marco Marsilio, rende noto che presso la Struttura di protezione civile regionale sono state avviate le necessarie procedure di ricognizione per il tramite dei Comuni colpiti. I privati interessati che hanno subìto danni potranno rivolgersi al Comune in cui il sinistro si è verificato al fine di presentare nel dettaglio la propria relazione. Si precisa che tale fase ricognitiva è necessaria per effettuare la valutazione della tipologia dell’evento emergenziale di protezione civile occorso, così come codificato all’art. 7 del D.Lgs n. 1 del 02/01/2018 (Codice della Protezione Civile). Il termine ultimo per la ricognizione dei danni è fissato al 22 luglio prossimo.

Ultima modifica il Giovedì, 11 Luglio 2019 20:14
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…