Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Gioielleria evade 7 milioni di euro nel pescarese

Ad attirare l'attenzione l'elevato tenore di vita dell'imprenditore, accertata l’evasione di imposte sui redditi per oltre 5,7 milioni di Euro e di IVA per oltre 1,2 milioni di Euro.

 

Al termine di oltre un anno di indagini, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, nell’ambito delle attività svolte a contrasto dell’evasione, dell’elusione e delle frodi fiscali, hanno scoperto una maxi evasione fiscale perpetrata da una società con sede in Manoppello (PE), di “fabbricazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria”.

Ad attirare l’attenzione degli investigatori, l’elevato tenore di vita di un noto imprenditore, il quale, tuttavia, non risultava intestatario di autovetture o di altri beni mobili o immobili e che, anzi, risultava essere un mero dipendente della società. L’analisi dei dati relativi alla società stessa lasciava emergere una situazione paradossale, caratterizzata da una sistematica antieconomicità della struttura imprenditoriale, che non sembrava avere mezzi di sostentamento plausibili, evidenziando nei bilanci continue perdite a fronte di rimanenze finali di importo rilevante. Emergeva, altresì, che, nonostante ripetuti trasferimenti di quote e nomina formale di terzi amministratori (familiari e stretti collaboratori), la gestione di fatto dell’attività restava nelle mani dell’imprenditore, il quale, peraltro, poteva disporre a piacimento dei conti societari. Veniva, quindi, avviata una attività investigativa ad ampio raggio nei confronti sia del dominus che dei suoi prestanome, che consentiva di rinvenire e sequestrare, in un appartamento di uno dei soci, occultato in un locale lavanderia, un server contenente la contabilità “parallela” a quella ufficiale.

La società, infatti, attraverso uno stratagemma informatico, deteneva due contabilità: una ufficiale e artefatta, in base alla quale venivano redatte le dichiarazioni dei redditi e dell’IVA, che chiudevano sistematicamente in perdita o con utili trascurabili; l’altra, reale e occulta, che riportava l’effettivo ammontare delle transazioni effettuate, dei movimenti di cassa e del magazzino, che chiudeva con saldi annuali molto positivi e con utili straordinari.

Al termine della minuziosa ricostruzione, le Fiamme Gialle accertavano l’evasione di imposte sui redditi per oltre 5,7 milioni di Euro e di IVA per oltre 1,2 milioni di Euro.

Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…