Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Banner orsini
banner di stefano
de martinis
fidanza
forconi
Rigopiano. Papà Feniello a processo, Salvini: "Andrò con lui"

"È pazzesco e andrò al processo con lui". Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, a proposito della vicenda di Alessio Feniello, padre di Stefano morto nella tragedia dell'hotel di Rigopiano, che violò i sigilli per portare dei fiori dopo perse la vita il figlio. Per Feniello il gip del Tribunale di Pescara, Elio Bongrazio, ha disposto il giudizio immediato, e il processo, davanti al tribunale monocratico di Pescara, si terrà il prossimo 26 settembre.

"Ho sempre sostenuto che avrei affrontato il processo", ha scritto Feniello su Facebook. Feniello, 57 anni, originario di Valva (Salerno), è il padre di Stefano, una delle 29 vittime nella tragedia dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara). Si legge su Adnkronos.

 

Condannato a una multa di 4.550 euro per avere violato, il 21 maggio 2018, i sigilli giudiziari dell’area delle macerie per mettere un mazzo di fiori nel luogo dove è morto il figlio Stefano, aveva presentato opposizione al decreto di condanna. "Come cittadino italiano dico che se un ministro dell'Interno si schiera dalla mia parte vuol dire che vede questa condanna come un'ingiustizia". Commenta Feniello all'Adnkronos, accogliendo positivamente la presa di posizione di Salvini. "E' positivo sicuramente - dice - ma è anche strano che un rappresentante dello Stato si schieri con un cittadino e contro la magistratura: o è in campagna elettorale, ma mi sembrerebbe una cosa squallida, o ha capito che è una condanna ingiusta". Comunque, aggiunge, "io Salvini lo incontrai a Rigopiano il 18 gennaio, lui sapeva che ero stato condannato a pagare e mi disse di non pagare niente. Non lo disse solo a me ma anche alla stampa perché è una farsa, è una cosa che non ha nessun senso".

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…