Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Roma/Ior e APSA, presidente Banca Finnat Euramerica spa indagato per “manipolazione mercato”

Aveva depositi accesi sia presso lo IOR, sia presso l’APSA, chiusi nel 2011. Sequestro preventivo per equivalente di 2,5 milioni di euro a carico del presidente del CdA di Banca Finnat Euramerica Spa, indagato per “manipolazione del mercato e ostacolo alle funzioni di vigilanza della Consob”.

 

 

Questa mattina, è partita l'operazione Schermo celeste, su richiesta della Procura di Roma, militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza stanno eseguendo un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente di beni (immobili, azioni, terreni) per 2,5 milioni di euro, disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Roma, nei confronti del banchiere Giampietro NATTINO, presidente del Cda della BANCA FINNAT EURAMERICA Spa, con sede in Roma.

Lo si apprende dal sito della Guardia di Finanza.

 

Le indagini coordinate dalla Procura di Roma e svolte dai militari della Guardia di Finanza, hanno permesso di accertare che NATTINO ha avuto la disponibilità di depositi accesi sia presso lo IOR, sia presso l’APSA (Amministrazione Patrimonio Santa Sede Apostolica), rapporti entrambi chiusi nel marzo 2011, in coincidenza con l’introduzione nello Stato della Città del Vaticano della prima legislazione antiriciclaggio.

 

Sempre i militari fanno sapere: attraverso tali rapporti l’indagato, avvalendosi strumentalmente dello schermo formale e dei canali bancari/finanziari del predetto Ente vaticano, ha posto in essere una complessa operatività di borsa dal cui esame sono emerse condotte penalmente rilevanti per manipolazione di mercato, per aver compravenduto a più riprese titoli di BANCA FINNAT EURAMERICA SPA - istituto bancario del quale egli è socio ed amministratore - con modalità ritenute ingannevoli, artificiose ed idonee ad alterare sensibilmente il prezzo del titolo sul mercato, avendo egli operato occultamente in borsa sfruttando strumentalmente lo schermo formale dell’APSA, al quale sono state fittiziamente attribuite le relative transazioni.

 

Lo stesso NATTINO, inoltre, è altresì indagato “per ostacolo alle funzioni di vigilanza della Consob, ex art. 2638 c.c., avendo comunicato a Borsa Italiana e a Consob dati non corrispondenti al vero, affermando di aver acquistato dall’APSA azioni della Banca di cui è rappresentante legale laddove tali titoli risultavano – per il tramite dello schermo dell’ente vaticano – già propri. Unitamente al NATTINO risultano indagati, a titolo di concorso, anche due dirigenti che, nel 2011, guidavano l’Istituto finanziario APSA.

Ultima modifica il Mercoledì, 22 Febbraio 2017 18:11
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…