Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Tragica verità su Keith Flint

 si è impiccato.

E' arrivata la conferma, come si legge sul Telegraph, dopo che sul profilo Instagram dei Prodigy Liam Howlett aveva affermato che il suo socio di sempre si era tolto la vita. Lo riporta Adnkronos.

Il 49enne è stato trovato morto nella sua casa di Dunmow, nell'Essex, lo scorso 4 marzo. Dall'ufficio del coroner hanno fatto sapere che "sono stati seguiti tutti i protocolli e la sua morte è stata confermata come non sospetta". Un esame post-mortem è stato effettuato presso l'ospedale di Broomfield il 7 marzo e la causa medica provvisoria di morte è stata registrata come impiccagione. La coroner incaricata del caso, Caroline Beasley-Murray, si è infatti riservata di presentare un rapporto aggiornato il 23 luglio prossimo, sulla base delle risultanze degli esami tossicologici, non ancora disponibili. Flint aveva, infatti, avuto problemi di tossicodipendenza in passato

Alla fine degli anni ottanta incontrò il DJ Liam Howlett ad un rave party ed espresse il suo apprezzamento per i suoi gusti musicali. Flint ha partecipato a vari progetti, tra cui alcuni con i gruppi Flint e Clever Brains Fryin', ma solo un singolo (Aim4) con i Flint è stato pubblicato mentre l'album di debutto (Device #1) è stato cancellato prima della pubblicazione. Esistono poche copie promozionali di Device #1, che non contengono tutte le canzoni che avrebbero dovuto apparire nella versione finale.

Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…