Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Premio Nobel economia, assegnato per la lotta contro la povertà

Il Premio Nobel per l'Economia è stato assegnato a Abhijit Banerjee, Esther Duflo e Michael Kremer per il loro "approccio sperimentale nella lotta contro la povertà globale".

 

Si legge su Agi.

Quello vinto oggi è il 51 esimo premio all'Economia nella storia del Nobel, la più 'giovane' tra le categorie essendo stata introdotta solo nel 1969. Se il premio nelle altre categorie è stato istituito dal chimico e industriale svedese Alfred Nobel nel 1895, questo invece è nato per iniziativa della Banca di Svezia, che tuttora lo finanzia. Non è solo un riconoscimento importante dal punto di vista professionale ma anche piuttosto cospicuo sotto il profilo strettamente finanziario, visto che l'Accademia Reale Svedese riconosce al vincitore una gratifica economica di quasi 900.000 euro.

I tre 'giovani' vincitori (nessuno di loro arriva ai 60 anni) hanno vinto il Nobel per aver "migliorato enormemente la nostra capacità di lottare in concreto contro la povertà globale". In circa 20 anni - ha spiegato il Comitato per i Nobel - il loro approccio sperimentale, volto a far emergere i modi migliori per combattere la povertà, ha trasformato l'economia dello sviluppo.

Nella motivazione viene sottolineato come i tre economisti abbiano "introdotto un nuovo approccio per ottenere risposte affidabili sui modi migliori per combattere la povertà globale", tra cui "suddividere il problema in questioni più piccole e quindi più gestibili, come gli interventi più efficaci per migliorare la salute dei bambini".

L'economista Abhijit Banerjee, che ha 58 anni, è attualmente docente di Economia alla Ford Foundation International presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit); la franco-americana Esther Duflo, 47 anni, è anche lei impiegata al Mit mentre l'americano 54enne Michael Kremer è un economista dell'Università di Harvard.

Ecco cosa dice la motivazione: "Nonostante i recenti passi avanti uno dei problemi più urgenti dell'umanità è la lotta contro la povertà globale, in tutte le sue forme. Oltre 700 milioni di persone vivono ancora con redditi estremamente bassi. Ogni anno, circa cinque milioni di bambini al di sotto dei cinque anni d'età muoiono ancora per malattie che potrebbero spesso essere prevenute o curate con trattamenti economici. La metà dei bambini del mondo lascia ancora la scuola senza competenze di alfabetizzazione e di calcolo". "I vincitori di quest'anno hanno introdotto un nuovo approccio per ottenere risposte affidabili sui modi migliori per combattere la povertà globale. In breve, comporta la divisione del problema in domande più piccole e più gestibili, ad esempio gli interventi più efficaci per migliorare i risultati educativi o la salute dei bambini. Hanno dimostrato che a queste domande più piccole e più mirate, viene spesso fornita una risposta migliore attraverso esperimenti attentamente progettati tra le persone più colpite".

"A metà degli anni '90, Kremer e i suoi colleghi hanno dimostrato quanto potente possa essere questo approccio, con esperimenti sul campo per testare una serie di interventi che potrebbero migliorare i risultati scolastici dei bambini nel Kenya occidentale. Banerjee e Duflo, che spesso hanno lavorato con Michael Kremer, hanno condotto studi simili in su altre questioni e in altri Paesi", conclude I loro metodi di ricerca sperimentale ora sono centrali negli studi economici sullo sviluppo", conclude l'Accademia Reale Svedese delle Scienze.

La chiave della loro ricerca è stata "affrontare il problema scoraggiante della povertà nel mondo e di suddividerlo in domande più piccole, alle quali è stato possibile rispondere in modo più credibile e concreto".

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…