Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Laurea in Scienze dell’Educazione: le principali opportunità lavorative

Il mondo dell’Educazione è un mondo pieno di sfaccettature e molto interessante. L’educazione e la formazione sono la sfida del futuro, settori in cui tutti i giganti del business e del mondo di Internet stanno investendo.

 

Futuro a parte però, quali sono oggi gli sbocchi per chi studia Scienze dell’Educazione? Si tratta di un titolo di studi molto flessibile che è spendibile in diversi campi.

Gli sbocchi lavorativi

Grazie alla sua flessibilità di applicazione, questa laurea può dare opportunità lavorativi senza per forza doversi spostare troppo. Per questo motivo gli studenti che vogliono scegliere questo percorso non devono per forza spostarsi verso sedi universitarie diverse e possono per esempio ottenere la laurea Unicusano in Scienze dell'Educazione direttamente online ed essere pronti per il mercato del lavoro con una formazione di alto livello.

Il laureato in scienze dell’educazione può lavorare in diversi campi:

• Formazione della prima infanzia

• Servizi Sociali

• Servizi Culturali e Territoriali

• Formazione Aziendale e professionale

Come scegliere lo sbocco occupazionale per te?

Quando ci si trova con in mano un titolo di studio così flessibile spesso si rischia di non trovare nessuno sbocco, paradossalmente. Accade a chi ha le idee poco chiare e ragiona con la mentalità di “l’importante è che sia un lavoro adatto al mio percorso” senza comprendere che il percorso universitario va di pari passo con il percorso personale, con le proprie attitudini ed abitudini.

C’è una grande differenza tra lavorare con i bambini più piccoli (per gli asili nido bisogna aver seguito un indirizzo specifico per la prima infanzia) piuttosto che occuparsi di integrazione e multiculturalità o offrire formazione a professionisti o tecnici in una azienda.

Per questo è importante indirizzarsi verso opportunità lavorative precise, incamminandosi in uno dei settori verso i quali ci si sente più attratti e più portati. Solo nel caso in cui le cose non dovessero andare bene, allora si può optare per un approccio più ampio.

Solitamente capitano spesso le occasioni per i laureati in scienze delle formazione e dell’educazione di fare pratica presso enti locali, associazioni di volontariato o organizzazioni no-profit. Se fare pratica ed iniziare è importante, lo è allo stesso tempo trovare la direzione giusta alla propria carriera.

Non bisogna svalutare il proprio titolo e le proprie personali attitudini con una Laurea in Scienze dell’Educazione: nonostante in Italia c’è ancora chi considera Lauree come Scienze dell’Educazione, Scienze della Comunicazione o Scienze Politiche, queste sono tra le lauree a più alto inserimento occupazionale.

Secondo un articolo del Sole24Ore del 2018, nel prossimi 5 anni, Scienze dell’Educazione sarà tra le Lauree che in Italia offriranno più posti di lavoro grazie al turn-over e le statistiche di AlmaLaurea ci dicono che il 60% dei laureati in Scienze dell’Educazione trova stabilità lavorativa.

Ancora dubbi sul valore che la tua laurea avrà nel mercato del lavoro?

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…