Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
“Gabriele d’Annunzio e la critica francese” di Franco de Merolis

presentazione libro il 23 marzo ore 18:00 MUMI Francavilla al mare

Sarà presentato sabato 23 marzo alle ore 18:00 al Museo Michetti di Francavilla il libro “Gabriele d’Annunzio e la critica francese” di Franco de Merolis pubblicato dalle Edizioni Menabò. Alla presentazione interverranno: Prof. Corrado Bologna (Scuola Normale Superiore di Pisa) Umberto Russo, (Università G. d'Annunzio Chieti-Pescara), Gaetano Basti (Editore) sarà presente l'autore. Franco de Merolis attraverso un’attenta rilettura dei documenti critici dell’epoca ci presenta e fa conoscere con dovizia di riferimenti gli aspetti più significativi di quella importante fase della vita e dell’opera dannunziana in Francia, tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento, facendo emergere quanto sia stata ricca ed articolata la risposta della cultura francese contemporanea alla presenza e all’opera di d’Annunzio. “Le attente ricerche di de Merolis ci restituiscono un panorama variegato (più a tinte brillanti che opache) delle risposte date dai letterati francesi alle opere che egli man mano produceva, nonché alle sue performances – scrive Umberto Russo nella prefazione – spesso sorprendenti, o almeno inusuali che conferivano un alone di eccezionalità alla sua vita. E d’Annunzio corrispondeva all’interesse che lo circondava con altrettanta spontaneità, allacciando amicizie, frequentando ambienti di cultura, prendendo parte sincera alle vicende di quella Francia che aveva eletta a sua seconda patria”. Man mano che giungono in Francia le opere di d'Annunzio, infatti, le prevenzioni che si addensavano sul poeta abruzzese iniziano a diradarsi e inizia per lui un cursus honorum di prestigio. Il soggiorno francese di d'Annunzio (1910-1915) avviene in un periodo culturale e artistico intenso, ricco di valori innovativi. Gli interventi critici di Theodore de Wizewa ed Eugène de Vogué gli aprono i convegni e i salotti prestigiosi della capitale e la sua personalità conquista i "maitres à penser" dell'epoca quali Anatole France, André Gide, André Suarès, Henri de Régnier, oppure il musicista Claude Debussy, che esprimono lodevoli giudizi sul poeta-soldato. Risulta così esemplare la rappresentazione della Fiaccola sotto il Moggio alla storica “Comédie Française” nel dicembre del 1927.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…