Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Il potere della fame. La storia di due imprenditori abruzzesi diventa libro

Se siete affamati di storie positive, di speranza, di futuro, un libro è stato scritto per voi

I Faraone, dalla tradizione contadina all’innovazione industriale La storia dei due imprenditori abruzzesi Piero e Sabatino Faraone diventa un libro. Prima presentazione a Roma Venerdì 29 gennaio, ore 18.30 – Libreria Cultora “In Italia, per circa quattro decenni, a prevalere è stata la convinzione che tutto fosse raggiungibile senza troppi sforzi. I genitori hanno soddisfatto pressocché ogni bisogno, lo Stato ha elargito posti di lavoro e nutrito clientele, sperperando le risorse. Ma l’avversa congiuntura internazionale era dietro l’angolo, e… E ora a pagarne le spese sono i meno equipaggiati. Bombardati di negatività, sperimentano gli effetti della stagnazione e del ripiegamento. Ma quanto rischiano di diventarne conniventi? […] Paradossalmente, i loro nonni, i loro genitori - gli stessi che hanno generato il deserto che oggi devono attraversare - sono anche il modello a cui guardare per migliorare il loro presente e per provare ad agganciare il futuro. […] Hanno fatto meno fatica quelli venuti su nel secondo dopoguerra, che hanno investito su ciò che avevano - se stessi - e puntato a migliorare le loro condizioni di partenza?”. Questo il punto di partenza attorno al quale si snoda la storia dei Faraone, protagonisti del racconto storico-biografico Il potere della fame. I Faraone, dalla tradizione contadina all’innovazione industriale (Idrovolante edizioni), scritto dalla giornalista Rosalinda Cappello. Sabatino e Piero Faraone sono due fratelli imprenditori abruzzesi di Tortoreto, di origine contadina, artefici della costruzione, in quarant’anni, di un gruppo vitale in grado di affrontare con solidità la crisi economica. Un risultato reso possibile dalla capacità di confrontarsi con la realtà che cambia, di innovarsi e di guardare al mercato estero, pur mantenendo uno stretto legame con il territorio e con i valori ereditati dalla tradizione rurale, tra cui il senso del sacrificio e la condivisione di fatiche e frutti. Figura centrale nella loro formazione è la prozia cieca Annantonia, sorella del loro nonno adottivo. Una donna nata alla fine dell’Ottocento che, nonostante i suoi mezzi culturali limitati, ha saputo plasmare i nipoti e incoraggiarli a migliorare la loro condizione e a riconoscere e seguire i loro talenti. In uno schema narrativo che passa dal presente al passato per tornare di nuovo al presente, il libro racconta quel mondo antico, attraverso gli aneddoti della famiglia protagonista, la sua progressiva trasformazione, di pari passo con quella dell’Italia, l’incontro con la modernità, il delinearsi di una nuova identità e il consolidarsi di una struttura imprenditoriale di successo, grazie a una gestione illuminata, in grado di produrre Made in Italy di qualità e lavoro anche in una congiuntura difficile. Perché il potere della fame? Perché i due fratelli sono convinti che la "fame" sia il vero carburante per andare oltre il disfattismo inerte. Anche per questo ritengono che gli imprenditori di domani nasceranno tra chi, oggi, attraversa il Mediterraneo sulle carrette del mare, rischiando l’unica cosa che è rimasta loro: la vita. Come fu per diversi dei nostri emigranti e com'è stato anche per la famiglia di albanesi a cui i Faraone diedero lavoro nei primi anni Novanta. Il potere della fame sarà presentato a Roma, venerdì 29 gennaio alle ore 18.30, alla Libreria Cultora (via Ferdinando Ughelli, 39). Insieme con l’autrice, Rosalinda Cappello, interverranno i protagonisti della storia. Modera l’incontro il giornalista e scrittore Roberto Alfatti Appetiti.

L’AUTRICE:

Rosalinda Cappello: siciliana di mare aperto - ma, in fondo, anche di scoglio – è laureata in Storia Contemporanea all’università La Sapienza di Roma. Giornalista professionista con un’esperienza decennale tra carta stampata e web, ha vinto il Premiolino 2010 con i colleghi della redazione di Ffwebmagazine, nel periodo di maggior fermento della Fondazione Farefuturo.
Raccontare gli uomini e le loro storie - che nel tempo si fanno storia, non sempre e non necessariamente quella con la S maiuscola dei grandi avvenimenti - è il motivo per cui scrive. Il resto è, dignitosamente, lavoro. “Il potere della fame” è il suo primo libro.

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Gennaio 2016 16:50
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…