Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Montesilvano/allagamenti. Fumo, "competenza è Aca". AP: "lavori non bastati"

 La denuncia del circolo di Montesilvano di Azione politica: "Villa Verrocchio e Villa Canonico sono in ginocchio". Ass.re Fumo: "Amministrazione Maragno la prima in oltre 40 anni a tutelare i cittadini con interventi di protezione civile"

 

“Con le piogge di questi giorni tornano, e sempre negli stessi punti, gli allagamenti a Montesilvano. La buona notizia è che la gestione dell'emergenza è ogni anno più collaudata. La cattiva notizia è che è ogni anno più collaudata. Può sembrare un paradosso, ma l’emergenza, come tale, dovrebbe rappresentare una tantum è non dettare i criteri dell’azione ordinaria”. La denuncia è del circolo di Azione Politica di Montesilvano che apre la riflessione sulla stagione autunnale e il maltempo che, inevitabilmente, colpirà la cittadina adriatica. “Villa Verrocchio e Villa Canonico – proseguono dal circolo - sono in ginocchio. Mare e traverse a mare sono chiuse per consentire le operazioni necessarie a liberare dall'acqua. Interdetti alle auto sono il sottopasso di viale Europa e quello di via Aldo Moro. I lavori anti-allagamento fatti e annunciati, evidentemente, non sono bastati. Non si deve agire sui ‘sintomi’, ma sulle ‘cause’. Ribadiamo – concludono - che serve un intervento strutturale su depuratore e collettore della città. La raccolta delle acque è insufficiente. Il sistema è stato fatto quando la città aveva un terzo degli abitanti di oggi e non si è mai smesso di far costruire e innalzare, anche negli anni più recenti”.

Fumo: “La competenza è di Aca e Consorzio di Bonifica Centro” Non è certo una novità, quella riferita in un comunicato stampa dell'assessore Fumo.

"Questa amministrazione è la sola che in oltre 40 anni ha effettivamente affrontato gli allagamenti delle traverse del lungomare, programmando e avviando interventi di protezione civile, concreti per risolvere questa annosa problematica tutelando così i residenti di quelle zone. I lavori non sono ancora conclusi, ma siamo certi che una volta completati gli interventi e soprattutto che tutti i soggetti di competenza mettano in atto ciascuno le opere necessarie, i risultati diventeranno evidenti". E’ quanto afferma l’assessore alle Politiche di Efficientamento del sistema smaltimento acque, Annalisa Fumo. Agli interventi tecnici che sono in corso lungo via Piemonte, via Maremma e le traverse di via Emilia, ovvero via Calabria, via Romagna e via Venezia Giulia, l’amministrazione ha anche promosso una serie di tavoli tecnici con tutti gli enti gestori dei servizi idrici. "La competenza - spiega ancora la Fumo - è dell’Ato, che deve programmare e realizzare gli interventi attraverso l’Aca e il Consorzio di Bonifica. Dalle riunioni operative, oltre che ovviamente dai sopralluoghi che abbiamo effettuato, è emersa la necessità di una serie di lavori propedeutici alla pulizia del collettore rivierasco sul quale sono state svolte già numerose ispezioni. La sinergia degli enti e soprattutto l’esecuzione di queste opere nel loro complesso, siamo certi che risolveranno il problema allagamenti in maniera definitiva. Nel prossimo mese di novembre si terrà - conclude Fumo - un altro tavolo tecnico, nel quale verranno approntati tutti i prossimi lavori di cui Aca e Consorzio di Bonifica hanno già predisposto la realizzazione. Continueremo a vigilare e sollecitare affinché questi lavori vengano realizzati nel più breve tempo possibile, perché si tratta di interventi prioritari per garantire la vivibilità e la sicurezza di un territorio che ha nel turismo il suo comparto strategico e non può essere condizionato da questa piaga che affligge la nostra città da troppi anni".

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…