Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Montesilvano/Blitz in via Lazio. Pettinari: "30 abusivi". Forconi: "sono 6"

 Sabato Pettinari e i consiglieri comunali 5 stelle sono andati in Via Lazio, alloggi popolari di Pescara insistenti su Montesilvano. Forconi replia su Fb alle dichiarazioni del consigliere regionale che chiede ai due Comuni di mobilitarsi verso la regione.

 

Un nuovo blitz presso le case popolari in Via Lazio sabato mattina per il Vice Presidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari, tornato all'interno della struttura insieme al Deputato Andrea Colletti e ai Consiglieri comunali Paola Ballarini e Gabriele Straccini.

"Parliamo di un palazzo – spiega Pettinari – che insiste sul territorio di Montesilvano ma che è di proprietà del Comune di Pescara, e ancora oggi presenta enormi problematiche, a cominciare dalla presenza negli appartamenti di circa venti abusivi che tolgono spazio a cittadini che ne hanno realmente bisogno. Le condizioni di degrado della struttura sono visibili a occhio nudo, sia nella facciata esterna che all'interno. Una grave situazione di pericolo si vive nello spazio comune situato all'ultimo piano dell'edificio, in cui è presente un terrazzo, accessibile a chiunque per via di un'inferriata rovinata, al quale manca una parte di muro, rendendo la zona estremamente pericolosa per chiunque, soprattutto per i bambini, in mancanza di una protezione dal precipizio di un palazzo di sette piani. Come se non bastasse, anche queste abitazioni sono spesso teatro di spaccio di stupefacenti, con tutte le gravi ricadute in termini di sicurezza per i cittadini che hanno realmente diritto e necessità di occupare gli alloggi".

"Una situazione di immobilismo grave. Da una parte abbiamo un'amministrazione comunale che si accontenta di azioni spot per sfrattare poche persone, senza risolvere realmente il problema della criminalità, dall'altra un'amministrazione regionale che stanzia pochi fondi per lo sfratto di abusivi. Infatti la situazione che si vive a Montesilvano palesa che i 400mila euro stanziati per l'edilizia pubblica per la Provincia di Pescara non sono sufficienti. Questi fondi sono stati interamente fagocitati dal comune di Pescara, tra l'altro senza risolvere i problemi, lasciando senza niente in mano le zone limitrofe, come Montesilvano. Anche qui infatti ci sono strutture di proprietà di Regione Abruzzo, ad esempio in Via Chiarini o via Rimini, che sono prese d'assalto dagli abusivi e ancora nessuno interviene. È evidente che, come ripeto da tempo, sia più urgente che mai per il centro destra stanziare ulteriori risorse, perché quelle che ci sono adesso non bastano".

"Visto che adesso sono loro a governare – conclude – sia la Regione che i Comuni, inizino a portare casa risultati concreti sulla sicurezza invece di fare solo propaganda. I Sindaci di Montesilvano e Pescara hanno tutti i canali aperti per collaborare con la Giunta regionale di centro destra e trovare risorse per aiutare i cittadini che realmente hanno bisogno. Noi la strada l'abbiamo tracciata da tempo e gliela stiamo indicando, ma finora abbiamo sentito solamente tante chiacchiere e nessuna soluzione concreta. Gli abruzzesi più in difficoltà si ritrovano a essere ancora una volta abbandonati, e questo non è più accettabile".

 

Il delegato alla sicurezza a Montesilvano FDi, Marco Forconi, scrive un post sul social in risposta alle dichiarazioni di Pettinari.

"Leggendo l'articolo, saltano ai miei occhi due gravi inesattezze: 1) gli abusivi non sono decine (addirittura 30 secondo il consigliere regionale) ma 6. In data 23 ottobre ho effettuato una ricognizione analitica con la Polizia Municipale, appartamento per appartamento, ed i risultati sono ben visibili sugli elenchi pubblicati in foto. Molti appartamenti risultano murati; 2) gli appartamenti occupati 'sine titulo' in alloggi Ater a Montesilvano per i quali è in corso la procedura di sfratto sono 8 e non 'tantissimi' come affermato dal consigliere regionale (vedasi elenco aggiornato al 19/07/2019). Una situazione nettamente differente rispetto a Pescara."

E conclude: "In ultimo, ma non meno importante, ricordo al consigliere regionale Pettinari che la legge regionale sull'edilizia popolare è stata modificata per ben due volte da quando si è insediata la giunta Marco Marsilio e questo dovrebbe far capire il reale interesse del centrodestra su tale argomento. Mi permetto di far osservare, infine, che la procedura di decadimento di un alloggio attraverso condanne non definitive è in aperto conflitto con quanto asserito dalla carta costituzionale, cosa ben diversa dalla flagranza di reato."

Ultima modifica il Lunedì, 11 Novembre 2019 18:33
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…