Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Montesilvano. Polizia Municipale quasi al collasso: computer da casa e carta copiativa

 ci vogliono più assunzioni e aggiornamenti. A rischio Piano della sicurezza della PM e della città. In quindici anni si è passati da 44 agenti – 55 nel periodo estivo- ai 28 attuali

 

I sindacati chiedono più personale, “assunzione di personale, assolutamente necessaria per portare avanti i servizi, avevamo avanzato richieste all’Amministrazione che, a fronte di impegni economici molto ridotti, avrebbero, da un lato, sgravato la P.M. di compiti meno importanti liberando risorse di uomini e mezzi per priorità ben più impellenti, dall’altro, dotato il personale di mezzi tecnici e strumenti culturali adeguati a rispondere alle crescenti esigenze del territorio.”

Inoltre servono corsi di aggiornamento e formazione adeguati ad affrontare le novità introdotte dalla legge, una per tutti, si pensi all’introduzione dell’omicidio stradale ed alle conseguenti procedure da svolgere in questi casi tragici e complessi; sul piano delle dotazioni “abbiamo chiesto l’acquisto di giubbini antiproiettile e indumenti antitaglio per gli interventi più a rischio delle squadre operative; sul piano organizzativo abbiamo chiesto di interrompere lo svolgimento di cortei funebri necessitanti della scorta da parte degli agenti di P.M. per la gestione della viabilità pubblica, per consentire agli stessi agenti di svolgere attività ben più pressanti”.

Attualmente a disposizione una sola pattuglia di servizio al mattino e di una al pomeriggio, che “in caso di accompagnamento del funerale non può far altro”.

Da aggiungere che “Gli agenti si trovano sottoposti a richieste di intervento e carichi di responsabilità cui non possono far fronte per mancanza di risorse e di strumenti, con conseguenti rischi personali e per la cittadinanza”.

La O.S. FP CGIL ha avviato da diverso tempo un tentativo di interlocuzione con l’Amministrazione di Montesilvano per risolvere il piano della sicurezza che riguardano direttamente il servizio di Polizia Municipale e, di riflesso, gli agenti alle dipendenze del Comune ed i cittadini tutti. Così si legge in una nota a firma della Segreteria Provinciale FP CGIL Stefano Di Domizio e il Dirigente Sindacale Aziendale Giancarlo Catorani.

In quindici anni si è passati da 44 agenti – 55 nel periodo estivo- ai 28 attuali “La costante e progressiva riduzione degli organici accompagnata dalla crescita demografica della città e dal costante aumento delle funzioni (soprattutto nell’ambito della sicurezza pubblica) sta determinando il collasso della capacità operativa del corpo di Polizia Municipale.”

Dopo mesi di distanza “la situazione è peggiorata al punto che alcuni operatori sono costretti a portare il computer da casa per lavorare e si usa la carta copiativa perché si è rotta la fotocopiatrice in dotazione al comando e non viene riparata.”

“Valuteranno, insieme al personale, le necessarie iniziative sindacali da intraprendere per riportare al centro dell’attenzione i problemi più gravi e trovare una soluzione che garantisca i lavoratori e i cittadini “

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…