Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Montesilvano. Ufficio turismo, gli investitori ricevuti in luogo “brutto e sporco” video

di Angela Curatolo

No sito web, no brochure, sede triste e inappropriata, carenza di personale, nessun investimento rilevante del Comune... questo è il concetto di turismo a Montesilvano? Il video denuncia di Carmen Passariello.

 

Sono anni che i politici succedutisi nel tempo si riempiono la bocca con la parola turismo. Un indotto che porterebbe molte risorse in città, se organizzato fornendo gli strumenti necessari. C'è sempre, di contro, chi propone gettone di soggiorno, pay park, insomma tasse, una manciatina poi, inutile allo sviluppo di questo trainante settore in una città di mare.

Nessuno ha ben pensato di investire seriamente sul turismo, partendo dall'immagine del luogo dove si ricevono i preziosi investitori, quelli che i soldi li portano: organizzatori di Fiere e eventi pronti a pagare l'uso del Palacongressi, ad esempio. L'ufficio turismo ad oggi si riduce ad una scrivania in una stanza condivisa con settori avulsi dal turismo e la sede appare distante dalla adeguata rappresentanza che vive nell'immaginario di chi è pronto a tirare fuori i quattrini. Il personale è composto da una  sola e solerte impiegata che se si ammala è costretta a portarsi a casa il lavoro, altrimenti tutto si ferma.

Questa è la situazione.

In un video di denuncia, postato sul social, Carmen Passariello, rappresentante della comunità dei Venezuelani in città, recatasi personalmente nell'ufficio turismo, lo descrive: “brutto, sporco, dove non funziona il riscaldamento.” Poco consono ad accogliere chi vuole investire dei soldi nel turismo locale. Non solo una denuncia, è invito alla riflessione sul da farsi.

Link video

 

“Assessore, metta rimedio a sta situazione, parliamo di turismo ma parliamone professionalmente”. L'appello è rivolto al delegato di giunta al Turismo, Ernesto de Vincentiis, sollecita a “migliorare le condizioni dell'ufficio Turismo, il più importante della città, dove si vende l'immagine turistica della città”. Ricorda, “Gli eventi sono benessere, crescita, sviluppo, il turismo è qualità del servizio”.

Nel caso sia difficile allestire una sede all'altezza del compito, all'interno del Comune, Passariello suggerisce il Pala Dean Martin. Creare eventi e congressi, accogliere i potenziali investitori e organizzatori di meeting, fiere, festival, in un ufficio turismo come quello attuale, condiviso con altri uffici che poco hanno a che fare con il turismo, purtroppo limita questa attività.

In effetti se si punta sull'indirizzo del turismo, si deve investire su personale, sede, comunicazioni. Passariello, inoltre, rileva la mancanza di materiale, “senza brochure”, “non c'è un sito web”, che, come accade in tutti i Comuni turistici della Terra, ad esempio, per mostrare un “rendering” del Pala Dean Martin, per valorizzare la struttura di punta del turismo congressuale montesilvanese e un punto informazioni per chi sceglie Montesilvano, vitale per una città turistica.

Introiti degli ultimi due anni: 100mila euro

L'ufficio turismo è, ad oggi, composto da una sola persona, la Dr.ssa Simona Petricca, specializzata sì in attività turistiche, e oltre a curare l'aspetto eventi del Pala Dean Martin, accogliendo gli organizzatori, seguendone la procedura burocratica, stilando i singoli atti dell'iter di cui risulta responsabile, porta avanti anche attività che riguardano gli eventi in città.

Un immane impegno, che dovrebbe essere affidato a un ufficio con almeno tre persone per ottenere maggior sviluppo e raggiungere grosse cifre, cosa possibile perchè da sola Petricca lo ha dimostrato con i numeri sciorinati dall'ufficio del Sindaco.

Pur avendo 'puntato' sul turismo il Comune ritiene che non sia urgente destinare risorse a questo ufficio potenzialmente gallina dalle uova d'oro.

E la scusa dei soldi questa volta appare poco credibile. Infatti solo il Palacongressi o Dean Martin come lo si vuole chiamare, in due anni ha introitato una bella somma, in queste condizioni e in piena crisi. Si parla di 165mila euro, quest'anno, mentre lo scorso anno sono entrati 140 euro. All'anno si sono svolti 20 eventi, per 90 mila euro di spese (60 mila per utenze, a cura di agenzia, e 30mila per un incaricato, da 20 anni, sin dalla gestione precedente, atto a risolvere gli eventuali problemi tecnici durante gli eventi). Quanto costa l'ufficio turismo? Uno stipendio da impiegato sino ad oggi, capace di smuovere queste somme. Se ci fossero più soggetti all'interno gli incassi potrebbero diventare maggiori.

Istituzione fondo per il turismo

Si potrebbe investire di più se veramente si crede in questo settore. Insomma con circa 100mila euro, entrati in due anni, per l'Amministrazione tutto grasso che cola, si poteva istituire un fondo turismo, soprattutto investire quella somma nel Palacongressi che li ha generati, in coerenza con l'annuncio politico.

Passariello annovera un elenco di interventi, ad esempio sulle sedie, aggiustarle e pulirle, incaricare “qualcuno ad accogliere all'ingresso gli organizzatori e le accompagni in un tour all'interno”, manutenzioni varie, migliorie, “questa è professionalità”. Il video, scevro da polemiche, è zeppo di buoni consigli professionali.

Il comportamento poco attento verso l'unica struttura che la città abbia a disposizione, lascia sospettare che il Comune nutra serio interesse a darla in gestione, incurante del potenziale.

A chi verrà dato? Tra i papali potrebbe esserci Alberghiamo. Tutto da vedere.

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Novembre 2017 09:30
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…