Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Nuova Pescara. Orsini: "Ripetere il voto fino a che non vince il no? Patetico"

"Favorevole alla nascita di questa nuova area metropolitana"

 

"Apprendo con incredulità le affermazioni di qualche esponente politico locale che vorrebbe proporre la ripetizione del quesito referendario sulla nascita della Nuova Pescara". Così Mauro Orsini presidente della associazione vitArte (rivoluzione culturale) riferendosi alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Comunale Ernesto De Vincetiis di alcuni giorni fa.

Prosegue, "Vorrebbero la ripetizione del referendum già votato nel 2014 con la vittoria dei "si" (si, alla nascita della Nuova Pescara che accorpa i comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore) poiché costoro non sono d'accordo e quindi non rispettano e accettano la volontà popolare". "Ad esempio il presidente del consiglio comunale di Montesilvano, persona che stimo e apprezzo, non deve dimenticare che ricopre un ruolo che è espressione di tutta la città, anche delle opposizioni che vogliono la grande Pescara e della maggioranza degli elettori della ex Montesilvano. Non può parlare a titolo personale appunto perché rappresenta tutte le voci". Aggiunge poi " sostenere di volere ripetere il referendum con la motivazione che nel 2014 la gente 'aveva sbagliato a votare' e quindi il referendum andrebbe riproposto, é come dire che gli elettori hanno sbagliato a votare anche i consiglieri eletti lo stesso giorno dellla vittoria dei si" (era il giorno dell'election day e si votava per il rinnovo del consiglio comunale dei tre comuni sopracitati per le europee e per il referendum nuova pescara)."

E provoca: "Ma come: per noi eletti gli elettori votarono bene, non avevano sbagliato, mentre per il referendum i cittadini avrebbero 'preso un granchio'? Siamo seri: se dobbiamo invalidare l'esito referendario dovremmo invalidare anche il risultato dei consiglieri eletti nel 2014 lo stesso giorno della vittoria dei si sulla costituzione della nuova Pescara".

Sottolinea: "La verità è che nel 2014, il giorno del voto per il rinnovo del Consiglio comunale e del referendum i candidati se ne sono infischiati di spiegare le ragioni del sí e del no del referendum, presi egoisticamente a chiedere i voti per loro stessi; e adesso qualcuno vorrebbe la ripetizione del referendum magari fino a quando vincerà il no. Patetico. In realtà il piccolo politico della ex Montesilvano (compreso il sottoscritto) non vuole rinunciare al ruolo di consigliere comunale, ma per continuare a fare cosa vista in che situazione versa la città?"

E dice apertamente: " Sono favorevole alla nascita di questa nuova area metropolitana, sarebbe una buona occasione per il rilancio economico, sociale e culturale delle tre cittadine che unite avrebbero tanti vantaggi tra i quali il diritto ad una cifra considerevole di finanziamenti.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…