Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Gp torna nel circuito di Singapore. Impegnativa per i freni.

domenica 16 settembre, disputata in notturna per venire incontro al fuso orario europeo, 14:10.

 

A 10 giorni dalla corsa di Monza, torna il Gp a Singapore per la stagione 2018, un tracciato di 5.073 3 23 curve, creato dalle strade adibite al traffico cittadino. Saranno percorsi 61 giri, 309,453 km. Domenica 16 setembre alle 14,10 la gara. MEntre le prove libere in diretta cominciano da venerdì, 1o,30 e 14,30. Sabato prove libere 3 alle 12,00 mentre le qualifiche alle 15. E la sera ala differita alle 20,00.

Marina Bay e Montreal? Due piste tutte diverse. Eppure… Che cos’hanno in comune il GP di Singapore e quello del Canada? Poco, verrebbe da dire, visto che uno è un circuito cittadino e l’altro una pista super-veloce, che uno si corre in notturna e l’altro alla luce del sole. Eppure fra la gara che precede la lunga stagione europea e quella che ne segue la conclusione, qualcosa di analogo c’è: le sedie.

Si legge nel sito Ferrari.

Nel complesso programma logistico di Scuderia Ferrari, infatti, parte del materiale di arredamento delle hospitality utilizzato a Montreal “riappare” proprio per la gara nella piccola repubblica asiatica. E’ solo uno degli esempi di quanto sia delicato il lavoro di chi programma gli spostamenti di materiale. Un’altra affinità, per quanto possa sembrare strano, sono i freni. Certo, a Marina Bay i piloti non affrontano le violente staccate tipiche dell’Ile de Notre Dame. Ma la frequenza delle frenate – una quindicina a ogni giro – e la difficoltà nel raffreddare dischi e pastiglie nell’umido clima equatoriale, rendono Singapore una delle piste più impegnative per l’impianto frenante, nonostante le medie orarie (183,272 quella di Vettel per la pole dell’anno scorso) siano fra le più basse del campionato.

Il GP di Marina Bay è entrato in calendario nel 2008 come la prima gara notturna nella storia della Formula 1. Una sfida enorme per preparare il tracciato, su strade normalmente trafficate, concepire e realizzare l’impianto di illuminazione, assicurare sicurezza e logistica. A distanza di dieci anni, si può dire che la gara abbia “vinto” l’inevitabile concorrenza con la vicina Malesia, che si è ritirata dal calendario. Oltre alle frenate (e ai consumi, elevati per via delle continue accelerazioni e frenate) sono importanti la trazione in uscita di curva e la concentrazione al volante. Quanto alle gomme, si “salta” una mescola: a disposizione, infatti, saranno Soft, Ultrasoft e Hypersoft.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…