Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Nustalgija lundane, toccante canto abruzzese - video

Questo canto delicato e malinconico, esprime il profondo senso di struggimento nostalgico di chi ha lasciato il luogo natio ed è immerso in un intricato coacervo di emozioni emotive e bisogni affettivi, insopprimibili e contrastati. 

 

La musica e le parole, in perfetta simbiosi, esprimono con efficacia il doloroso ritorno della memoria su luoghi, tempi e persone, il cui recupero è arduo e tormentato, spesso irrealizzabile.

NUSTALGIJA LUNDANE

Versi di Lucio Cancellieri Musica di Camillo Berardi

Che notte serene,

la luna è ‘n’incande,

li stelle massere

che luce ce fa!

Lu monne già dorme

e sogne a chist’ore,

me porte lu core

ddo’ campe mammà.

Rit. Sone llà la piazzette

lu mastre nghe la bande,

pi’ fistiggia’ lu sande

li bbomme sta a spara’,

ji’ m’arrubbeje l’amore

mezz’a li morre d’ore

e ancore me ne more…

l’amore me’ addo’ sta?

Lu vicchie paese

addo’ so’ crisciute

ddu’ case e la chiese

n’ariesce a scurda’.

Su ‘n cime a lu monte

è jurne de feste,

tatone s’arveste

se sta a mbrijaca’.

Ultima modifica il Venerdì, 08 Gennaio 2016 18:32
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…