Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara. Emergenza ambiente FFF. Maggioranza boccia mozione.

PD: "atto simbolico ma di estremo valore politico per una città di mare"

 

"Venerdì scorso più di cinquemila ragazze e ragazzi pescaresi scesi in piazza per lo sciopero globale contro i cambiamenti climatici, hanno chiesto al Comune di approvare una mozione di dichiarazione dello stato di emergenza climatica e ambientale. Lo hanno fatto con una partecipazione gioiosa ma decisa che la nostra città non vedeva da almeno cinque anni. Immediatamente, la mattina stessa, il centrosinistra con i consiglieri Piero Giampietro, Francesco Pagnanelli, Giacomo Cuzzi, Marinella Sclocco e Giovanni Di Iacovo, presenti al corteo, ha recepito questa richiesta presentando un ordine del giorno che anche il Movimento Cinque Stelle ha deciso di sottoscrivere." Così Claudio Mastrangelo - Segretario Provinciale dei Giovani Democratici di Pescara. "Un atto simbolico, certo, - ammette - ma dall’estremo valore politico per una città di mare, di turismo, il cui sindaco ha appena vinto le elezioni - e con una grande affermazione di consenso - parlando di ambiente e bandiera blu".

"Stamattina la doccia fredda: la maggioranza di centrodestra, noncurante della partecipazione e della richiesta che veniva da chi vivrà la città di Pescara per i prossimi 70 anni, decide inspiegabilmente di bocciare la mozione." Fa sapere. "Noi riteniamo a questo punto che ribellarsi civilmente a questa pericolosa violenza democratica è un dovere di cittadinanza e che il Sindaco e i consiglieri di maggioranza debbano dare spiegazioni alla cittadinanza sul perché di questo voto contrario. Lo si deve alla democrazia, perché altrimenti nelle menti di quelle ragazze e quei ragazzi passerà il messaggio che la partecipazione democratica sia inutile." Conclude.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…