Stampa questa pagina
Pescara/provincia, Romina Di Costanzo presidente commissione pari opportunità

Eletti Presidente e vicepresidente della nuova Commissione di Pari Opportunità Provinciale.

 

Romina Di Costanzo è stata eletta oggi Presidente della neo Commissione per la Pari Opportunità Provinciale. Si è infatti insediata questa mattina per la prima volta la nuova Commissione da poco nominata dalla Provincia, che vede come componenti 10 donne e, per la prima volta nelle storia della Commissione, anche due uomini: Patrizio De Caris ed Emilio Nuozzi. Romina Di Costanzo, consulente ambientale, nominata tra le otto in rappresentanza della maggioranza, è stata eletta con 9 voti su 10 votanti (e presenti) così come la sua vice, scelta tra le persone indicate dalla componente politica di minoranza: Claudia Di Pasquale.
La Commissione Pari Opportunità della Provincia, composta inoltre da Lara Letizia Di Cosmo, Silvia Elena Di Donato, Alessandra Di Gregorio, Benedetta Di Marzio, Fabia Fattore, Maria Luigina Montopolino, Lucia Polidori e Cristina Roio, è un organo permanente (rimane in carica fino alla scadenza del mandato del Presidente) consultivo e propositivo del Consiglio provinciale. La finalità della sua attività è quella di promuovere azioni positive per rimuovere ogni discriminazione, diretta o indiretta, che impedisca l’uguaglianza delle pari opportunità tra uomini e donne. 
Il Presidente Antonio Di Marco, nel porgere il benvenuto alla Commissione, ha ringraziato i consiglieri Leila Kechoud, Silvina Sarra e Vincenzo D’Incecco, che si sono occupati della costituzione della nuova CPO supportando gli uffici dell’Ente. “Il gruppo di lavoro – ha detto rivolgendosi i neo consiglieri PO – mi sembra motivato e coeso. Sono felice di poter contare su di voi per collaborare con la Provincia e con i Comuni, verso i quali potete essere un punto di riferimento per le questioni di genere e per le proposte che vorrete fare in merito all’effettiva partecipazione, politica e gestionale, delle donne all’interno degli Enti Pubblici. A tal proposito mi permetto di consigliarvi di promuovere una formazione dedicata e specifica per chi si vuole avvicinare alla politica e alle Istituzioni. Oggi servono persone preparate, perché la sfida si vince sulla professionalità e non solo sulle quote di genere”.

Di Costanzo: “Sono certa che con questa squadra coesa, motivata ed eterogenea, potremo con spirito di responsabilità ed entusiasmo metterci sin da subito e proficuamente a lavoro per garantire i principi costituzionali di uguaglianza e parità sociale, economica e culturale, per promuovere e valorizzare un'eguaglianza sostanziale nel nostro territorio provinciale. E’ arrivato il momento di connotare il concetto di pari opportunità non come una battaglia di genere ma di una collaborazione e sinergia paritetica applicata a tutti i settori, a cominciare dal diritto allo studio, al lavoro, la difesa dell'uguaglianza sociale, i diritti degli immigrati e l’impegno politico. Siamo pronti ad agire in nome della giustizia e dignità sociale, condizioni necessarie per il pieno sviluppo della persona umana, affinché ogni individuo abbia medesime condizioni di partenza e di competizione, indipendentemente dall’identità di genere o orientamento sessuale, di etnia o di religione. Anche la politica deve aprirsi a questo: non devono più verificarsi casi di squilibrio come quello a cui stiamo assistendo da oltre dieci mesi nell’amministrazione montesilvanese, nonostante la diffida del PD e il ricorso al Tar degli amici di Sel. Dobbiamo impegnarci affinché la parità di genere non sia un’imposizione aprioristica in nicchie di salvaguardia o l’applicazione asettica di una norma di garanzia ma una conquista dettata da partecipazione, passione, competenza e adeguata formazione”.

Ultima modifica il Venerdì, 23 Settembre 2016 17:21
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…