Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara: candidati sindaci su barriere architettoniche, terzo settore e partita di calcio

Alcuni spunti di programma di 4 candidati a sindaco a Pescara

Sono 8 i Candidati a Sindaco per Pescara si vota il 26 maggio

Civitarese: "Pescara deve essere maggiormente attenta al superamento delle barriere architettoniche e culturali e all’autonomia di ogni cittadino".

"Senza indugio i PEBA (Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche), che per troppo tempo sono rimasti dormienti o scarsamente attuati in Italia (ricordo come la Legge che ne prevede l’istituzione – la n. 41 (art. 32) – risale al 28 febbraio 1986!)".

"Per far questo è necessario coinvolgere persone competenti e non vi è persona più competente di chi vive sulla propria pelle, nel quotidiano, la disabiltià. Il tavolo sui PEBA sarà collegato alla specifica figura del disability manager, affiancato da un ufficio coordinato da personale disabile, oltre ai rappresentanti delle varie organizzazioni che si occupano di disabilità (motoria, visiva, psichica…). "

"A proposito di barriere architettoniche, l’associazione Carrozzine determinate, in un recente documento rivolto a tutti i candidati Sindaci, sottolinea il problema dell’accessibilità alle attività commerciali e ai parchi pubblici, nonché la questione del turismo accessibile." "Tutte queste valutazioni verranno a popolare l’agenda dell’Osservatorio di cui sopra e le informazioni confluiranno in un Portale web a forte vocazione turistica, costantemente aggiornato, in cui verranno messe in evidenza tutte le strutture idonee ad accogliere persone con disabilità, a Pescara e dintorni". "Risorse per l’assistenza scolastica dei ragazzi con disabilità". Bisogna capire esattamente cosa intendiamo per “assistenza scolastica”.

Costantini:"Apriremo un ufficio dedicato alla disabilità e chiederemo a Carrozzine Determinate di collaborare con l'amministrazione"

"Una vera città del futuro, come quella che stiamo costruendo, è una realtà a misura di ogni cittadino, una realtà accessibile, priva di barriere architettoniche. L'eliminazione di ogni barriera, da quelle strutturali a quelle culturali, è sinonimo di civiltà ed è la premessa per lo sviluppo del territorio. Si tratta di temi che sono presenti nel nostro programma, questioni da cui non si può prescindere nel progetto di costruzione di una nuova città. Proprio per questo, quando sarò eletto creerò un ufficio dedicato, se non una delega alla Disabilità, e sarò ben lieto di collaborare con le associazioni e con chiunque voglia fornire il proprio contributo". Lo afferma il candidato sindaco per il polo civico 'Faremo Grande Pescara', Carlo Costantini, in risposta all'associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, presieduta da Claudio Ferrante. "Ovviamente - dice il candidato sindaco - abbiamo intenzione di dare esecuzione al Peba, il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, e di far partire concretamente il lavoro del tavolo tecnico con i rappresentanti delle associazioni per verificare la condizione dell’attuazione dei diritti umani delle persone con disabilità. Così come è impensabile che un'opera come la strada parco presenti delle barriere. Il contrasto alle barriere architettoniche è a tutti gli effetti una battaglia culturale e un'amministrazione comunale deve fare tutto ciò che è in suo potere per far sì che la città sia accessibile, dai negozi ai ristoranti, dal centro alle periferie".

ARCI Pescara incontra la candidata sindaca Marinella Sclocco lunedì 23 maggio 2019, alle ore 19:30, in Via delle Caserme a Pescara

"Il tentativodi mettere in ginocchio il Terzo Settore ed il mondo dell’associazionismo, depotenziandone il ruolo di “cerniera” nel quadro di un moderno welfare state partecipato ed efficace, lungi dall’essere risolutivo dei problemi di bilancio del nostro paese, rischia invece di creare un terremoto sociale senza precedenti nella nostra storia democratica, tanto più se le parole d’ordine della Lega dovessero trasformarsi in concreta azione amministrativa nelle realtà chiamate ad eleggere i futuri sindaci ed i futuri consigli comunali, come a Pescara". Per questo l’impegno dell’ARCI ha deciso di incontrare la candidata sindaca di Pescara Marinella Sclocco, riconoscendone l'attenzione programmatica sul tema dei diritti civili e sociali, su quello della riqualificazione degli spazi comuni, della tolleranza e dell'antirazzismo. L’incontro, che sarà informale ed aperto a tutta la cittadinanza, si terrà lunedì 23 maggio 2019, alle ore 19:30, in Via delle Caserme a Pescara, cui seguirà djset.

Partita di calcio e elezioni, Masci: non sovrapporre date

"Le restrizioni e le chiusure al traffico per una partita di calcio sono incompatibili con l’esercizio del diritto-dovere di voto che interessa la città di Pescara sia per le amministrative sia per il rinnovo del parlamento europeo". Il candidato sindaco per il centrodestra Carlo Masci solleva la questione delle semifinali playoff del campionato di serie B, in calendario domenica 26 allo Stadio Adriatico per l’incontro Pescara-Spezia. La gara avrà inizio alle ore 21, ma già dalle 17 la zona sud, una delle più popolose del tessuto urbano, sarà interessata dai provvedimenti per la sicurezza e l’ordine pubblico, che nei fatti impediranno gli spostamenti in auto da e per diversi plessi che ospitano i seggi, con ovvia ricaduta sull’affluenza alle urne. L’importanza della partita, alla quale assisteranno anche migliaia supporter ospiti, è tale da distogliere dal recarsi ai seggi, in un’ampia fascia oraria, anche coloro che si recheranno allo stadio per sostenere il Pescara.

"Sono due manifestazioni - sostiene Masci - che, pur con dimensioni diverse, hanno importanza per la comunità e meritano di essere vissuti nella pienezza delle passioni e delle emozioni. Non è però opportuno sovrapporre le date, perché in ogni caso questa coincidenza di eventi certamente andrà a penalizzare l’elettorato. Credo debba aprirsi un’immediata riflessione e maturare un’altrettanto rapida decisione sulla soluzione più ovvia e che non scontenti nessuno: anticipare a sabato o posticipare a lunedì l’incontro di calcio, come peraltro si fa sistematicamente per il calendario dei campionati. Non si può prevedere una sospensione di fatto del diritto di voto a causa delle transenne e dei blocchi del traffico, nella fascia oraria concessa per recarsi alle urne. Il rinvio è una scelta logica, oltre che di tutela democratica degli elettori. Sono convinto che le autorità competenti – conclude – sapranno valutare l’impatto della coincidenza con le sue implicazioni, e quindi regolarsi al meglio".

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Maggio 2019 19:57
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…