Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Orso ucciso a fucilate, domani chiarmenti su autopsia e balistica

Orso ucciso da fucilata a Pettorano sul Gizio (l’Aquila): udienza il 12 dicembre presso il tribunale di Sulmona. LAV ammessa parte civile, saranno ascoltati il medico veterinario che ha effettuato l’autopsia e un perito balistico

 

Si svolgerà domani, 12 dicembre, presso il Tribunale di Sulmona (L’Aquila) l’udienza a carico dell’uomo accusato di avere ferito a morte un orso a colpi di fucile.

L’animale è poi deceduto in seguito alle infezioni causate dalle ferite. Durante l’udienza saranno ascoltati il medico veterinario che ha effettuato l’autopsia sull’animale, e un perito balistico. Nella precedente udienza del 14 novembre scorso la LAV è stata ammessa come parte civile nel procedimento.

“Si tratta di un procedimento molto importante che ci auguriamo fissi il principio per cui la giustizia ‘fai da te’ non è ammissibile in nessun caso e che l’uccisione di un animale particolarmente protetto, anche a livello europeo dalla Direttiva Habitat, come l’orso, costituisce un vero e proprio atto di bracconaggio!”, commenta Massimo Vitturi, responsabile LAV Area Animali selvatici. L’uccisione di un animale, inoltre, è sanzionata dall’articolo 544 bis del Codice penale con l’arresto fino a 2 anni, “per questo chiediamo che il responsabile sia punito in maniera esemplare, che sia di monito per chiunque non rispetti le leggi poste a tutela degli animali – prosegue Vitturi – Esistono sistemi efficaci per prevenire le eventuali predazioni da parte degli orsi, chi non le mette in pratica non può essere legittimato a usare un fucile contro un animale che non ha alcuna responsabilità”.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…