Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Internet non va in vacanza: tutti i modi per navigare lontani da casa

 Quando si va in vacanza, sono tante le novità che investono la nostra vita.

 

Altrettanto numerose, però, sono quelle cose che vengono a mancare: ovvero tutti gli elementi che siamo costretti a lasciare a casa, e sui quali non possiamo contare in viaggio. Internet è uno degli esempi più lampanti: non possiamo certamente portarci dietro la nostra connessione domestica, a meno di non ricorrere a soluzioni particolari. Molte delle comodità di casa dovremo lasciarle lì, in attesa del nostro ritorno: per quanto riguarda Internet, invece, di opzioni da sfruttare ce ne sono eccome. La rete non va mai in vacanza: ecco tutti i modi per navigare lontani da casa.

Come avere il WiFi in vacanza?

Per prima cosa è possibile sfruttare le aree con WiFi pubblico che oramai si trovano un po’ ovunque. Basta uscire all’aperto, fare un check delle connessioni col cellulare, e vedere se si riesce a reperire una connessione pubblica. Naturalmente si tratta di una soluzione momentanea: per chi desidera avere a disposizione il WiFi ovunque, si consigliano le connessioni Internet senza linea fissa come ad esempio quelle proposte da Linkem. I vantaggi sono notevoli: innanzitutto si tratta di connessioni portatili, perché slegate dalla linea telefonica. Poi sono più economiche e, nonostante questo, garantiscono ottime velocità e performance (fino a 30 Mbps). Fra le altre cose, connessioni come questa si basano sulla tecnologia LTE e non presentano alcun vincolo o contratto.

Come connettersi usando lo smartphone?

È anche possibile sfruttare lo smartphone per connettersi a Internet: in questo caso, però, si utilizzerà il traffico dati previsto dal piano tariffario della propria SIM card. Si tratta di una procedura davvero semplice da realizzare: bisogna solamente attivare la funzione hot spot o tethering dalle impostazioni della connessione. Con la prima opzione si può collegare un device esterno (come il portatile) alla connessione del cellulare, tramite WiFi o addirittura Bluetooth. Nel secondo caso, invece, la connessione si ottiene collegando lo smartphone al dispositivo con un cavo USB. Attenzione a non sforare la soglia di traffico residuo, però.

WiFi pubblici e rischi: quali sono?

Il WiFi pubblico, già citato poco sopra, rappresenta un rischio: trattandosi di una connessione aperta a tutti, gli standard di sicurezza sono ovviamente ridotti ai minimi termini e questo rende i dispositivi connessi maggiormente esposti a cyberattacchi. In sintesi, qualcuno con un minimo di esperienza in hacking potrebbe rubare dati e spiare le connessioni. Ciò vuol dire che si rischia tantissimo navigando su reti pubbliche e utilizzando ad esempio il proprio account bancario o social. Esistono però dei modi per proteggersi, anche se necessitano di una spesa: si può affittare un server VPN o in alternativa acquistare un ottimo antivirus. A dire il vero, entrambe le soluzioni andrebbero adottate in simultanea, per proteggersi nelle reti WiFi pubbliche.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…