Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Onde gravitazionali. Ricerca da Nobel a Pescara

Giovedì 23 novembre dalle 16 in poi si terrà un’importante conferenza nella Sala Consiliare di Palazzo di Città, si tratta di un appuntamento dedicato a: "Le onde gravitazionali: una ricerca da Nobel", a cura dell’associazione Sinergie D’Arte, da quattro anni l'organizzazione del Pi Greco Day, ormai diventato un festival e un riferimento di divulgazione scientifica per la città di Pescara 

La conferenza, patrocinata dal Comune di Pescara, avrà degli illustri relatori che saranno introdotti dal professor Francesco Vissani, dirigente dell’Istituto Superiore di Fisica Nucleare e coordinatore del Dottorato di Fisica del Gran Sasso Science Institute: si tratta di Jan Harms e Marica Branchesi, entrambi del GSSI, i quali fanno parte del gruppo internazionale di ricerca, insignito del Nobel per la Fisica. “Sarà un appuntamento prezioso con la grande scienza – riferisce Gabriella Ciaffarini, presidente dell’associazione Sinergie D’Arte e motore dell’evento – che siamo fieri e orgogliosi di proporre prima di tutto ai nostri giovani.

Le onde gravitazionali costituiscono uno dei capisaldi essenziali della Teoria della relatività generale formulata più di 100 anni fa da Albert Einstein.

Il Nobel è stato consegnato a Rainer Weiss, Barry Barish and Kip Thorne, ma del gruppo di lavoro, che annovera 1004 studiosi appartenenti a 133 istituzioni di tutto il mondo fanno parte anche ricercatori del Gssi, il Gran Sasso Science Institute , la scuola superiore di alta formazione post-universitaria che ha sede a L’Aquila. Infatti tra i firmatari dell’articolo pubblicato su Physical Review Letters sulla scoperta ci sono il rettore Eugenio Coccia e docenti, ricercatori e allievi del GSSI: Lorenzo Aiello (26 anni), Viviana Fafone (52), Matteo Lorenzini (39), Akshat Singhal (25), Shubhanshu Tiwari (27), Imran Khan, Gang Wang (31), Marica Branchesi (40) e Jan Harms (40) del GSSI e con questi ultimi due avremo la possibilità di confrontarci in conferenza, per capire un argomento così vasto, ma anche ascoltare il racconto delle ricerche che hanno portato al Nobel e magari interloquire con loro.

Agli studenti presenti sarà rilasciato un attestato di partecipazione perché questa conferenza rappresenta un passo avanti per tutti, per quanti sono appassionati di materie scientifiche, per chi coltiva il gusto della scoperta e per tutti noi abruzzesi che abbiamo potuto respirare. Siamo infine certi che porteremo con noi tanti preziosi spunti dopo questo evento che riprenderemo anche nella prossima edizione del Festival Pi Greco Day”.

Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…