Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
La diffusione del basket in Italia ed in Europa

L’Italia è un paese in cui gli sport sono diffusissimi e praticati da molte persone. Ma è così per tutti gli sport?

In realtà non è difficile notare che nonostante le varie eccellenze in diverse competizioni anche a livello mondiale, quella che più interessa alle persone è il calcio, senza dubbio lo sport più seguito e praticato in tutto lo stivale. Con oltre 71.000 squadre tra professionistiche e dilettantistiche ed un introito annuo legato al settore di oltre 2,5 miliardi di euro, il calcio è sul primo gradino del podio degli sport più seguiti e remunerativi.

In realtà però non è difficile in Italia trovare appassionati anche di sport meno praticati a livello nazionale ma conosciutissimi a livello mondiale come ad esempio la pallacanestro. Nel nostro paese il basket ha avuto una diffusione relativamente recente rispetto agli altri sport, infatti nasce soltanto nel 1907 divenendo poi sport nazionale nel 1930. Oggi a livello professionistico la massima competizione professionistica riguarda la lega maschile di Serie A, con 95 edizioni. La squadra che ha vinto più titoli di tutti in Italia è l’Olimpia Milano, con 28 vittorie nel campionato. In Italia sono vanno oltre i 10 milioni gli sportivi e non appassionati a questa disciplina… numeri dunque non da poco.

In generale in Europa, il basket è divenuto popolare partendo sempre dalla tradizione statunitense che ha dato una spinta notevole a questa disciplina. Il primo campionato si tenne nel 1935 a Ginevra. In seguito, la storia del basket ha seguito quella dell’Europa stessa, guerre comprese. Negli anni ‘50 la questione della pallacanestro europea rimase confinata esclusivamente ai paesi dell’est per poi tornare intorno agli anni ‘60 a diffondersi a livello continentale.

NBA e FIBA: due punte dello stesso iceberg

Il mondo del basket è letteralmente diviso in due: da una parte il basket tutto americano della NBA e dall’altro quello della Fédération Internationale de Basketball Amateur o meglio conosciuta come FIBA.

Quest’ultima nasce nel 1932 a Ginevra ed oggi possiede oltre i 450 milioni di giocatori sparpagliati per tutto il mondo. E’ l’unica organizzazione mondiale ad essere riconosciuta a livello olimpionico. La FIBA si occupa non solo della gestione dei maggiori tornei internazionali, ma anche di stabilire le varie regole.

La National Basketball Association (o NBA) è la lega professionistica americana, nata nel 1946 a New York.

Queste due associazioni si differiscono soprattutto per quanto riguarda alcune regole e metodi di gestione delle squadre, infatti partite tra squadre FIBA ed NBA si sono svolte soltanto in maniera amichevole.

Oltre le cifre da capogiro che in America le star del basket guadagnano, tra NBA e FIBA ci sono varie differenze nel regolamento:

• Dimensioni del campo (NBA 30 mt. x 17 mt ; FIBA 28mt x 15mt);

• Durata di una frazione di gioco (NBA 12 min. ; FIBA 10 min);

• Numero di falli prima dell’allontanamento (NBA 6 ; FIBA 5);

Queste sono solo alcune delle regole che rendono queste due associazioni sportive apparentemente simili ma in realtà molto diverse tra di loro.

Nonostante il carattere ufficioso, la NBA è molto più seguita in termini di spettatori in quanto offre un livello a detta degli appassionati molto più elevato rispetto alla FIBA. La NBA anno dopo anno continua ad accrescere il numero di seguaci che raccoglie: la stagione 2017-18 chiude con oltre 22 milioni di biglietti ed avendo un numero medio di spettatori di 18.000 per partita. Così come gli spettatori sono aumentati anche gli introiti derivanti dal mercato delle scommesse effettuate su questo sport: l’incremento di visualizzazioni dei pronostici NBA sul web ne è una conferma. Nonostante non si sia ai livelli delle scommesse calcistiche, le scommesse legate alla NBA incassano oltre 100 milioni annui.

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…