Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
La donna che ispirò Bassani per “Il giardino dei Finzi-Contini”?

Giorgio COEN, ebreo, fu deportato nel lager nazista di Auschwitz dove morì il 15 novembre del 1944. Era nato a Chieti nel 1911. Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame” racconta la sua storia. La madre fu l’ispiratrice del personaggio principale del romanzo e poi del film “Il giardino dei Finzi Contini”.

 

Giorgio Abramo Oreste COEN nacque a Chieti nella casa posta in Villa Comunale, il 23 marzo del 1911, da Giorgio (trentottenne “negoziante”) e Ida Hanau (ventottenne). L’atto di nascita fu registrato dinanzi all’assessore Vitocolonna con testimoni Sebastiano Mattei (cinquantacinquenne “artista lirico”) e Umberto Sersante (trentaquattrenne “impiegato”. Ne “Il libro della memoria: gli ebrei deportati dall’Italia (1943-1945) di Liliana Graziella Picciotto Fargion così si legge: “Ultima residenza nota: Ferrara. Arrestato a Ferrara nel mese di dicembre 1943 da italiani. Detenuto a Ferrara carcere, Ferrara tempio, Fossoli campo. Deportato da Fossoli il 22.02.1944 ad Auschwitz. Matricola n 174485. Deceduto ad Auschwitz il 15.11.1944”. Nella nostra ulteriore ricerca risulta che la madre Ida Hanau in Coen fu l'ispiratrice del romanzo di Giorgio Bassani “Il giardino dei Finzi-Contini”.

Nell’omonimo film “Il giardino dei Finzi-Contini” di Vittorio De Sica (Premio Oscar “miglior film straniero” nel 1972) Ida Hanau è Micol la protagonista (anche se forse il grande De Sica fece convivere, in parte, nello stesso personaggio anche la figura di Valeria Grazia Sinigallia in Bassani, moglie dello scrittore). Anche Giorgio Coen, prima della sua orrenda fine, si trovò a vivere da protagonista quelle tragiche giornate raccontate nel libro e nel film.

Altro in questa categoria: « Armenia: Monasteri e Khachkar
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…