Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Drama sound city al Florian espace

Venerdì 21 e sabato 22 aprile ore 21.00 al Florian Espace

 

 

Florian metateatro presenta, per Teatro d'autore e altri linguaggi /Performing art and electro sound

in collaborazione con Deposito dei Segni: Stalker Teatro in Drama sound city progetto e regia Gabriele Boccacini musiche originali eseguite dal vivo Ozmotic: Stanislao Lesnoj e SmZ performer Elena Pisu, Dario Prazzoli, Stefano Bosco disegno luci Andrea Sancio Sangiorgi video Fabio Melotti

 

“Drama Sound City“ è un progetto della compagnia Stalker Teatro in collaborazione con i musicisti di Ozmotic. Una performance dal forte impatto visivo e musicale che si rivolge a un pubblico eterogeneo, curioso e attento alle novità. Un spettacolo dal vivo visionario, un ponte tra electro music e performing art. La performance, in cui si intrecciano arte visiva e performativa, musica elettronica e pop sperimentale, conduce lo spettatore attraverso sei scene/quadri visionari, scanditi da luci, azioni e suoni che compongono e scompongono geometrie della periferia cittadina come in un time lapse che ne cattura le rapide trasformazioni, cogliendo ne i caratteri più solitari, notturni, enigmatici.

 

Stalker Teatro sviluppa la propria ricerca nel rapporto tra teatro e arti visive, producendo spettacoli ed eventi performativi partecipati, con una forte vocazione sociale, che spesso prevedono il coinvolgimento diretto degli spettatori. Negli anni ’90, ospite per cinque anni a Cittadellarte, ha sviluppato importanti progetti con Michelangelo Pistoletto in Italia e in Europa presso festival, teatri, università, e musei d'arte contemporanea.Stalker Teatro opera principalmente a Torino, dove ha creato in intesa con la Città di Torino e la Regione Piemonte, le Officine per lo Spettacolo e l'Arte Contemporanea "Caos" e nel Biellese dove svolge un programma articolato di "Residenza Multidisciplinare".

Dopo la prima, per Incontri a teatro seguirà un colloquio con la compagnia a cura di Paolo Verlengia

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…